lunedì 25 gennaio 2016

Note di Natale

Nel 2015, il tradizionale concerto natalizio di Manerbio ha avuto qualche sapore in più. La parrocchia “S. Lorenzo Martire” ha voluto dedicarlo al trecentesimo compleanno della pieve e al Giubileo Straordinario della Misericordia. 

            Il 13 dicembre 2015, si sono ritrovati nella chiesa parrocchiale due cori: la Schola Cantorum “Santa Cecilia”, diretta da Virginio Mariotti, e il “Gaudium Cantandi”, diretto da Paolo Filippini. Le voci soliste erano quelle del soprano Maria Chiara Gritta e del tenore Nicola Bonini. La parte strumentale era affidata al violoncello di Daniela Savoldi, alla tromba di Fabio Carioni, all’oboe di Roberto Rossi e all’organo del suddetto Mariotti. Proprio a questo quartetto è spettato aprire “ex abrupto” la serata, con il “Trumpet Tune” di Jeremiah Clarke (1674-1707). Solo in seguito è intervenuta la presentazione di Bonini, per introdurre gli ascoltatori al programma. Esso era diviso in due parti: “La Chiesa: corpo mistico di Cristo” e “Il Santo Natale: il Verbo si fa carne”.
            La prima comprendeva il “Requiem” di Giacomo Puccini (1858-1924) e il “Cristo risusciti” di Andrea Tambalotti (1903-1973): brani alquanto strani, per essere natalizi, ma con una spiegazione dottrinale possibile. Il Natale è la festa dell’Incarnazione, alla quale i cristiani collegano la condizione dell’uomo come destinato alla resurrezione. Ed ecco il Corpo di Cristo cantato come “pane degli angeli”, nell’ “Ecce panis angelorum” (per l’appunto) di Lorenzo Perosi (1872-1956). Dello stesso compositore era “O bella mia speranza”. Sempre d’argomento eucaristico erano “Anima Christi” di Marco Frisina (1954), successione di litanie invocanti l’ostia consacrata, e “O sacrum convivium” di Luigi Molfino (1916-2012). Dedicato al compleanno della pieve, invece, era “Locus iste” di Anton Bruckner (1824-1896): appunto, “questo luogo” in cui si rivelerebbe la presenza divina. Di Tranquillo Guarneri (1871-1937) era “Ecce venio ad te”, omaggio alle  vocazioni. Non poteva mancare un canto alla “Vierge Marie” (Francis Lopez, 1916-1995), coprotagonista del Natale per ovvi motivi. Un invito festoso a celebrare in musica era “Psallite!” di Valentino Miserachs Grau (1943).
            La seconda parte è stata inaugurata da un brano profano, ma per sempre stampato nell’immaginario italiano come “8x1000 alla Chiesa cattolica”: “Gabriel’s Oboe” di Ennio Morricone (1928). Una piccola delizia del XIV secolo era la lauda “Puer natus”. Un canto tradizionale francese armonizzato da Giorgio Golin era poi “Gli angeli nelle campagne”. Di Bepi De Marzi (1935) era “Pastori”, mentre un’altra lauda – del XVI secolo, stavolta – era “Oggi è nato un bel bambino (armonizzazione di Marco Ruggeri). Sempre armonizzata da Ruggeri era la composizione di Settimio Zimarino (1885-1950): “Alla fredda tua capanna”. Del repertorio tradizionale natalizio era “Gioia nel mondo – Joy to the World” (arm. Marco Frisina), eseguito nelle due versioni: italiana e inglese. La serata si è conclusa con “Splende la gloria” di Heinrich Schütz (1585-1672), “Tollite hostias” di Camille Saint-Saëns (1872-1956) e “Cantique de Noël” di Adolphe-Charles Adam (1803-1856).
            Il parroco don Tino Clementi ha colto l’occasione per ricordare ai fedeli che è in corso la restaurazione dell’organo ottocentesco della pieve. I fedeli hanno risposto con munificenza insolita, nel cestino destinato alle offerte della serata. Di musica non ce n’è mai abbastanza.

 Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 104 (gennaio 2016), p. 14.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.