lunedì 25 gennaio 2016

Nel labirinto della violenza

La violenza domestica è un filo rosso che si snoda sornione, nei letti e sotto i tappeti, fra bianche signore impellicciate e africane dagli abiti multicolori. Così è stata rappresentata, per l’appunto, nella mostra itinerante “Seguendo il Filo di Arianna e Teseo o Minotauro”. Essa fu allestita nel maggio 2014 a Malnate (Varese) e raccoglieva le opere di ottanta donne. L’ideatrice era Valentina Benedetto Grassi. Nel settembre dello stesso anno, si aggiunsero gli uomini, con la parte “Teseo o Minotauro”, appunto. Da lì, è stata trasportata in più luoghi. A Brescia e provincia, sono già state tenute diverse edizioni, curate da Valeria Zanini, una delle prime artiste a partecipare. Attualmente, le firme sono oltre centosessanta. 

            La mostra è approdata a Manerbio grazie alla cura di Anna Maria Bietti, con la collaborazione dell’associazione locale “Donne Oltre”. L’evento è stato patrocinato dal Comune di Manerbio, dall’Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda, dall’ASL di Brescia, dalla Consigliera di Parità e dalla Provincia di Brescia. Naturalmente, non sarebbe potuto mancare il sostegno de “Il cerchio degli Uomini” e della “Casa delle Donne centro antiviolenza” di Brescia.
            L’apertura al pubblico è stata modestamente celebrata il 5 dicembre 2015, nella Sala Mostre del Municipio. Sulle tele e nelle sculture, campeggiavano mani supplichevoli o minacciose, abiti candidi e insanguinati, cuori infranti. Diverse erano le variazioni sul tema delle scarpe rosse, ormai noto simbolo della violenza sulle donne. Non mancava nemmeno un vero e proprio Minotauro, che incombeva sul nudo corpo di Arianna. Uno specchio rimandava a una bambina l’immagine di una donna sfatta e abusata. Una schiena statuaria portava segni di graffi. Ragazze imbacuccate passeggiavano per vie buie, in fredde notti abitate da ombre. Un cuore pendeva impiccato, accanto a un germoglio. Una casalinga brandiva una bottiglia sul capo del marito addormentato. Dafne inseguita distorceva il proprio corpo in rami d’albero, per sfuggire allo stupro di Apollo. Una ragazza portava un pesante collare con punte di metallo. Maschere fingevano sorrisi o disumanizzavano vittime e carnefici. Lacrime fuggivano su visi di porcellana. Un filo rosso si riallacciava a un cuore. Una donna africana mostrava una lametta – quella che l’aveva infibulata? E mille altri volti prendeva il dolore, come in una mitologia sempre viva. 

            Non solo al mito, per l’appunto, ma anche alla fiaba è spettato raccontare la violenza domestica. Carla Provaglio, accompagnata dalla tastiera di Fabio Berteni, ha letto passi terrificanti o meravigliosi: “Donne fantastiche dal mondo delle favole”. Ha cominciato con la celeberrima “Barbablù”: il gentiluomo segretamente assassino delle mogli troppo curiose. “Scarpette rosse” ha dipinto l’ossessione di libertà e felicità che trascina una bambina nell’emarginazione. “I tre capelli d’oro”, invece, sono quelli del Sole, rinato dalle cure di braccia materne. “Baubo, la dea panciuta” è il nume dell’oscenità, che riesce a strappare un sorriso alla divinità delle messi: così, la natura può tornare a vivere. “Il ciglio del lupo” insegna a una ragazza coraggiosa a distinguere i buoni dai malvagi, vedendo nel loro cuore.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 104 (gennaio 2016), p. 8.


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.