sabato 16 gennaio 2016

L'Anchealtrista



L’Anchealtrista
–al contrario del cugino Benaltrista–
cammina a dispetto universale 
sull’orlo di una lista:
appunti di preghiere senza voce,
di tombe senza croce,
di acque senza foce
– sa che la sua vista
può farlo somigliare al Complottista,
ma l’Anchealtrista
ha più senso del destino
o, meglio, della causa-conseguenza.
Nei suoi gialli, non ci sono maggiordomi,
ma una folla di assassini
per cui l’historia magistra vitae
è un corso di morte necessaria,
come un treno di cassonetti
in cui si scaricano i cervelli.
E l’Anchealtrista
rimescola quella spazzatura mista,
per salvare un neurone
che garantisca la giornata.
Non si fida della libertà
di essere tutti uguali
e nemmeno delle parole in –ista:
nazista-fascista-comunista
e – beninteso – anchealtrista.
Puzzan troppo di dita puntate
per nascondersi il volto.
L’Anchealtrista
sputa sulla droga ottimista,
ma non lo si può dire pessimista
(altrimenti, avrebbe già cessato
di fare l’Anchealtrista).
È un cavaliere dalla trista
parola e dal cuore buono,
alla ricerca di un Cervantes
che riduca in carta
i suoi mulini a vento.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.