domenica 3 gennaio 2016

In risu veritas

"L'uomo indignato, e colui che sempre si strazia e si sbrana con i propri denti (o in sostituzione di sé strazia il mondo, o Dio, o la società), può sì, secondo la morale, essere superiore al satiro che ride, pago di sé, ma in ogni altro caso è il caso più comune, più insignificante, meno istruttivo. E nessuno mente quanto l'indignato." 


FRIEDRICH WILHELM NIETZSCHE (1886)

Da: Al di là del bene e del male. Preludio di una filosofia dell'avvenire, ("Grandi Tascabili Economici"), introduzione di Ferruccio Masini, Roma 1996, Newton Compton, 6^ edizione, traduzione di Silvia Bortoli Cappelletto, p. 65.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.