lunedì 25 gennaio 2016

L'Epifania in piazza

Un appuntamento ormai consueto, per i manerbiesi, è l’arrivo dei Magi in Piazza Italia. Il teatro è la capanna a grandezza naturale che ospita una Natività: frutto dell’iniziativa di Lino Filippini, di concerto con l’oratorio “S. Filippo Neri” e il Comune. Opera sua è anche la “sacra rappresentazione” del 6 gennaio. Nel 2016, i figuranti travestiti da Magi – fra i quali, lo stesso Lino – sono stati accompagnati da pastori, soldati romani, verissimi pony e da ragazzi della Civica Associazione Musicale Santa Cecilia lungo via XX Settembre – Scià ólt, per i manerbiesi veraci. 

            Quest’anno, gli alberi di Piazza Italia hanno ospitato le bandiere delle nazionalità rappresentate a Manerbio, in ossequio all’universalismo tipico dell’Epifania. Ne erano presenti quasi una quarantina («Ma l’elenco andrebbe aggiornato» ha precisato Filippini). Per essere sicuri di non scontentare nessun Paese, è stato posto anche lo stendardo della Giornata Mondiale della Gioventù 2000.
All’ingresso della scena, un immagine posta in alto menzionava il corrente Giubileo della Misericordia.
Per restare in tema, si è svolta la premiazione del consueto concorso per foto di presepi domestici, sempre a cura dell’organizzatore.
            Insieme a oro, incenso e mirra – finti, va da sé – davanti alla capanna, sono stati depositati autentici generi alimentari, capi d’abbigliamento e giocattoli, destinati alla beneficenza parrocchiale. L’arciprete don Tino Clementi ha diretto i fedeli nelle preghiere, durante la sacra rappresentazione. Per l’occasione, non solo i Magi, ma anche la Sacra Famiglia era vivissima, compreso un attore decisamente novello: un Gesù Bambino di due mesi. I bambini – e gli adulti che li accompagnavano – hanno fatto a gara a salutare il grazioso piccino, beatamente (è il caso di dirlo) addormentato in braccio alla Madonna. 

            Nel frattempo, gli Alpini hanno rifocillato i presenti con vin brulé, panettone e pandoro. Non saranno stati i tre doni dei Magi, ma – nel gennaio pungente – erano sicuramente offerte preziose.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 104 (gennaio 2016), p. 14.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.