martedì 29 marzo 2016

Una buona causa

“Si udì uno schianto dirompente nell’avanguardia mentre i ghiacciai che si trovavano alla testa del gruppo cozzavano contro una foresta. Gli uccellini scapparono via in preda al panico. La neve e le schegge piovvero giù tutto attorno a Nijel mentre lui galoppava nell’aria di fianco al gigante. 

            Si schiarì la voce.                                
- Ehm - disse - scusa tanto!
Di fronte alla ribollente risacca di terra, neve e tronchi abbattuti una mandria di caribù stava scappando in preda ad un cieco terrore, sollevando gli zoccoli posteriori a quasi un metro dal caos più completo.
            Nijel provò ancora.
 - Ehi! - gridò.
La testa del gigante si volse verso di lui.
- Cosa fuoi? - disse. - Fattene, persona calta.
 - Scusa, ma è davvero necessario tutto questo?
Il gigante lo fissò con gelido stupore. Si voltò lentamente per guardare tutto il resto della mandria, che sembrava espandersi fino ad arrivare al Centro. Guardò poi nuovamente Nijel.
- Cià - disse - penzo proprio di sì. Altrimenti, perché lo faremmo?
 - Soltanto che c’è moltissima gente che preferirebbe che voi vi asteneste dal farlo, capisci? - provò a dire disperatamente Nijel. Una guglia di pietra apparve brevemente davanti al ghiacciaio, traballò per un istante e poi scomparve.
            Egli aggiunse: - Anche i bambini e i piccoli animali di pelo.
- Soffriranno per la cauza del procresso. Atesso è arrifato il momento che noi reclamiamo il monto - rombò il gigante. - Tutto il monto di chiaccio. Seconto l’inefitabilità tella storia e il trionfo tella termotinamica.
- Già, ma non è necessario che voi lo facciate - insistette Nijel.
- Noi fogliamo farlo - rispose il gigante. - Gli tei sono spariti, liperiamo talle catene la superstizione fuori mota.
- Congelare tutto il mondo per intero non mi sembra un gran progresso - disse Nijel.
- A noi piace.
- Già, già - rispose Nijel, con quei toni vitrei e maniacali di chi sta cercando di considerare tutti gli aspetti della questione ed è certo che si potrebbe trovare una soluzione se soltanto la gente di buona volontà si sedesse attorno ad un tavolo per discutere le cose in modo razionale da sensati esseri umani. - Ma ti sembra il momento giusto? Il mondo è forse pronto per il trionfo del ghiaccio?
- Farà maledettamente meglio at esserlo - rispose il gigante e lanciò il suo pungolo di ghiaccio verso Nijel. Esso mancò il cavallo ma beccò il cavaliere in pieno petto, sollevandolo di sana pianta dalla sella e sbalzandolo direttamente sul ghiacciaio. […]
- Bastardaccio dal cuore di ghiaccio. Ho davvero pensato per un istante che sarei riuscito ad ottenere qualche cosa. Non si può proprio parlare con certa gente.”

TERRY PRATCHETT
(1988)


Da: “Stregoneria”, in Il mondo del Disco, Milano 1992, Arnoldo Mondadori Editore, pp. 419-421. Traduzione di Antonella Pieretti.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.