giovedì 31 marzo 2016

La nipote del diavolo - I, 6

Parte I: Fili pendenti


6.

Le note di Bring Me to Life degli Evanescence eruppero dal cellulare di Isabella. Lei abbandonò il disegno – una vignettistica Venere che emergeva dalle acque – e rispose: «Pronto?»
            «Ciao, Isabella… Ti disturbo?»
La voce di Raniero. 

«N… no» esalò la ragazza. Qualcosa si strozzava, nella sua gola.
«Ti ringrazio, ma… non serve che ti preoccupi tanto per me» evase. «Sto bene. Non vengo più ai corsi di mnemotecnica perché… non ho più tempo, te l’ho detto. E basta!»
Dall’altra parte del telefonino, si levò un silenzio greve.
Poi, lui si lanciò – come disperato.
«Isabella… questo non c’entra niente! Non ti chiamo per farti tornare alla Lotus… Io ho bisogno davvero di sentirti!»
Ancora silenzio. Stavolta, da parte della ragazza.
Un rossore piccante andava intridendole le guance.
«Raniero… cioè…»
La figura secca, pallida e biondiccia di lui le balenò alla mente. Ma, per la prima volta, soffusa di un’arcana tenerezza.
«Senti…» riprese la voce dell’amico. Isabella la avvertì disciolta in un tono carezzevole. «Ti andrebbe di fare una passeggiata, domani pomeriggio?»

[Continua]


Pubblicato su Uqbar Love, N. 177 (1 aprile 2016), p. 15.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.