mercoledì 14 ottobre 2015

Studentessa


Prenderò il mio tesoro
e lo appenderò
alle nuvole.

Ne parlerà
-forse-
qualche Aristofane da trivio.

Meglio essere Socrate
che Meleto,
dopotutto;
meglio questo limbo
di chi ha troppi inverni
per lasciarsi vivere
e troppo pochi
per vivere;
di chi non può ancor pagare
l’ipoteca sulla vita
a un creditore ubiquo,
che ci odia
perché consumiamo poco,
senza produrre, né crepare.

Carmina non dant panem
e nemmeno circenses.
Grazie al cielo.

Ancora,
cammino da straniera
nella mia città.
E dico
alle brave persone dal cuore funesto:
«È vivo solo
chi ha un tesoro
da appendere alle nuvole.»

Compresa in: AA. VV., Tracce 3, Roma 2015, Pagine, p. 63.


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.