mercoledì 14 ottobre 2015

Filologia pomeridiana


E non ho voglia di raccogliere i
frustuli
avanzati dalla mia anima,
che riportano, qua e là,
un lampo –una A,
una O- non più.
Il sole è troppo pigro
per collazionare i testimoni
di un giorno ancora sfatto
-una pasta troppo acquosa
per le maglie dell’ecdotica.
Non riesco a leggere
le diplài, gli asterischi
e le punte acide degli obelòi,
seminati nei margini
come rughe di una fronte aggrottata.
Qualcosa di spurio,
forse,
si è intrufolato nei miei gesti
-una distrazione di copista
che biascica una pericope
di chissà chi, di chissà quando-
entrato quasi fatalmente
nella mia tradizione
-ma c’è un originale?
Continuerò domani a inseguire l’archetipo,
il suo profumo acquattato
lungo i rami
astratti di uno stemma.
Ora, solo, piegherò la mano
a porre un’altra crux
-quante siano, ormai, sui miei giorni
non guarderò
-ho un silenzio carico di congetture
e mi basta.

Compresa in: AA. VV., Tracce 3, Roma 2015, Pagine, p. 64.


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.