lunedì 1 giugno 2015

Simone Weil: un tesoro all’I.I.S. “B. Pascal”

Dopo María Zambrano e Hannah Arendt, all’I.I.S. “B. Pascal” di Manerbio è stato presentato un terzo affascinante ritratto femminile: quello di Simone Weil (Parigi 1909, Ashford 1943). Di lei è stata detta qualunque cosa: filosofa, storica, mistica, operaia, contadina, miliziana anarchica. Per far conoscere questi molteplici volti, la prof.ssa Rosaria Tarantino ha coinvolto Monica Cerutti Giorgi: docente di Storia e Filosofia, studiosa del pensiero della differenza sessuale. L’incontro si è svolto il 15 maggio 2015 ed è stato il terzo del ciclo “L’universo femminile: vita e pensiero nella diversità di genere”, organizzato dal “B. Pascal” e dall’associazione locale “Donne Oltre”, col patrocinio dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Brescia e la collaborazione del Comune di Manerbio.
            La conferenza era intitolata: “Il tesoro di Simone Weil – Scritti di vita e di pensiero”. Il “tesoro” sarebbe la quantità immane di detti scritti, quasi tutti pubblicati postumi. La Cerutti Giorgi ha però dato ampio spazio all’aneddotica.
            Ne è emerso il ritratto di una donna fragile e impacciata, ma con una vitalità intellettuale inesauribile. La cifra della Weil era il bisogno di “essere dentro” gli eventi e le situazioni. Per questo, si congedò dalla scuola ove insegnava filosofia per lavorare come operaia alla Renault (1934). D’estate, si dedicava alla campagna come “garzone di fattoria”. Amava scrivere a lume di candela, in stanze piccole e raccolte, come Diogene nella botte. Un ricordo ci consegna Simone seduta a scrivere seduta in terra, per mantenere un legame con quell’elemento di concretezza. Sempre il suo bisogno di vivere le situazioni in prima persona la portò a partecipare alla guerra civile spagnola, in posizione antifranchista (1936). “Pensatemi come se stessi andando a ricostituirmi in una zona climatica” disse ai familiari preoccupati, con un senso dell’umorismo che la “filosofa tragica” volle sempre conservare. Il suo amore era indirizzato all’essere umano come “animale simbolico”, ovvero bisognoso di dare un significato a ciò che ha intorno. Per questo, ricercò le “tre forme terrestri del bene”: bellezza, verità, giustizia. La sua “giustizia” consisteva nel dare agli uomini la possibilità di trovare la bellezza nelle cose di tutti i giorni, comprendendo lo scopo del proprio lavoro (da cui la sua esigenza di stare al fianco degli operai). La bellezza, a propria volta, era per la Weil un segno della verità, intesa come frutto di un’incessante ricerca sperimentale. Proprio questa ricerca la portò anche a una svolta mistica in senso cristiano: la sofferenza e il riscatto di Cristo sarebbero stati gli stessi vissuti da ogni essere umano, nella lotta per affermare la propria razionalità. Proprio l’assenza di razionalità e di bellezza avrebbero causato, nel mondo del lavoro, quella conflittualità che portò alla violenza politica del periodo precedente la Seconda Guerra Mondiale.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N°96, maggio 2015, pag. 7.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.