lunedì 1 giugno 2015

La Festa del Salame

Manerbio, a tutt’oggi, non è ancora rinomata per alcun prodotto alimentare tipico. Ma può facilmente far proprio il celeberrimo salame bresciano, frutto del tradizionale allevamento di suini in zona. Così, già da sei anni, questo salume rustico e saporito diventa il protagonista di una piccola cuccagna locale: la Festa del Salame, appunto. Il teatro dell’evento è il Bar Borgomella, in via S. Martino del Carso. Antonella Gennari e Giovanna Rongoni, le titolari, concepirono l’idea nel 2010, quasi per caso. Alla prima edizione, parteciparono i norcini della zona. Per arricchire l’interesse della festa con un concorso, era necessaria una giuria. All’appello del Bar Borgomella, rispose così l’ONAS: Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Salumi. Ne fanno parte appassionati buongustai e titolari di salumifici. Ciascuno di loro deve seguire un corso di formazione quinquennale. La valutazione dei salumi in concorso segue, poi, uno schema ben preciso, formulato in schede preformate. La degustazione dura poi sei ore e viene effettuata da due gruppi di quattro persone ciascuno, più un nono giurato, per evitare pareggi. Naturalmente, la valutazione tiene conto del tipo di salume. Il salame bresciano, per l’ONAS, costituisce un prodotto a sé. Esso viene apprezzato in base alle seguenti caratteristiche: l’aspetto esteriore complessivo; l’esame visivo della fetta; l’esame olfattivo degli aromi e della loro persistenza; l’esame gustativo dei sapori, della speziatura, della stagionatura, del retrogusto; la consistenza; la masticabilità. Conclude il tutto una valutazione personale d’insieme.
            Secondo i giurati dell’ONAS, la qualità dei salami in concorso a Manerbio è migliorata col passar degli anni. Nel 2014, in giuria era presente anche il titolare di un salumificio di Trento.
            La Festa del Salame, dunque, si compone di due parti: la premiazione dei primi tre concorrenti in classifica e la fase più propriamente festaiola, ovvero la distribuzione gratuita di salame nostrano ai presenti. Tra un bicchiere e una chiacchierata, chiunque può così apprezzare la moltitudine di forme di un alimento che sembra tanto semplice: dalle fette trasparenti uscite dall’affettatrice, a quelle spesse e tozze tagliate a mano; dai salamini duri di stagionatura a quelli vasti e di pasta freschissima.
            Il 2015 (in data 25 aprile) ha visto la partecipazione di trentasette concorrenti, non tutti di Manerbio. Fra loro, c’erano sia proprietari di aziende agricole che membri di famiglie abituate a produrre salami per l’autoconsumo. Sul podio ideale, in ordine crescente, sono saliti Domenico Chiodi, Richi Bertoni e la storica Macelleria Pietta di Manerbio. Tra i partecipanti, si è distinta un’ironica “Compagnìå dèl fil dè fèr”. 


Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N°96, maggio 2015, pag. 8.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.