martedì 21 febbraio 2017

Le rose della notte - III, 1

Parte terza: Il canto della mosca



1.

Quella notte di metà ottobre, un sogno aleggiò sulla materia cerebrale di Margherita, come un Incubus insolitamente aereo. Vide membra nel pieno fiorire dei loro muscoli e nervi, tese in una posizione innaturale. Una croce. Ma, anziché essere legata a due legni incrociati, la figura era stretta da steli di rose d’un rosso quasi nero e ritorte come funi. Rivoli di sangue arabescavano lo splendido corpo, michelangiolesco nel suo vigore, ma – inequivocabilmente – di donna. 
    Lo sguardo onirico di Margherita risalì fino al volto, reclinato su una spalla. Labbra nere, fronte e guance rigate di porpora – ma sorridente come una sfinge. Il viso di Diana.
Gli occhi mori, rilucenti nell’estasi dello strazio, si posarono su di lei. La ragazza ne bevve il potere ipnotico, perdendo il senso del proprio peso immaginario. La bocca della tormentata si stava muovendo. Senza alcun suono, Margherita ne comprese le parole.
    È il Filo di Arianna.
Il braccio sinistro di Diana si contrasse, sottolineando la catena di rose che lo stringeva. Istintivamente, l’altra tese una mano per prenderla. Le parve che gli steli attorcigliati si spezzassero sotto le sue dita. In quel sussulto – coperta di sudore freddo, col cuore impazzito – si svegliò.

[Continua]

Pubblicato sul quotidiano on line Uqbar Love (21 febbraio 2017).


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.