mercoledì 8 febbraio 2017

Le rose della notte - II, 7

Parte II: Il cielo in fiamme



7.

I “Pains of Odin” avevano riposto i travestimenti simil-longobardi e avevano sistemato gli strumenti nei bauli delle automobili. Il cielo era nero, ma nessuno di loro aveva voglia di rintanarsi nel sonno.
 «Andiamo a bere qualcosa?» lanciò Giorgio.
«Io no, grazie» declinò Diana, prendendo il casco. «Devo riportare Margherita in collegio».
«Ah… andate a dormire?» insinuò Michele, malizioso.
«Certo. E faresti bene anche tu» rispose Margherita, con soave prontezza. «Il piffero l’hai già suonato abbastanza, per stasera». 

            Le due ragazze non rimasero a sentire lo scroscio di risate e complimenti alla sua arguzia. Diana salì a cavalcioni della Kawasaki, allacciandosi il casco. L’altra la imitò, stringendosi ai fianchi della centauressa. Qualche roco e sordo suono d’avviamento, e la moto partì.
            Margherita non avrebbe conservato alcuna memoria dei pensieri sfreccianti nella sua mente, durante quella corsa. Avrebbe ricordato l’odore del suo stesso sudore freddo, dentro il loculo del casco. La sua testa appoggiata a una schiena sicura, in un contatto negato. Le sue mani intrecciate contro il ventre sodo di Diana, come in spietata preghiera. La voglia di scioglierle per tentare altre carezze e la paura di cadere, se avesse lasciato la presa. L’attesa in movimento, dove ogni minuto di desiderio era divorato dall’avvicinamento al fine.

[Continua]


Pubblicato sul quotidiano on line Uqbar Love (7 febbraio 2017).


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.