giovedì 23 giugno 2016

Le Donne Oltre festeggiano fra natura e umorismo

Quest’anno, la festa dell’associazione manerbiese “Donne Oltre” ha riservato un’attenzione speciale ai bambini. Il 15 maggio 2016, piccoli e grandi sono stati accolti nei giardini comunali. Un pagliaccio li ha guidati, attraverso le siepi, all’incontro con un duo di giovani chitarristi che suonava dal vivo. Ma quella era solo la prima puntata. Attraverso le parole di quell’insolito Virgilio, il parco si è trasformato nell’Eden. Di episodio in episodio, le Donne Oltre hanno messo in scena la vicenda di Adamo ed Eva: il primo uomo e la prima donna alla scoperta dell’alterità sessuale. Adamo sembra profondamente contrariato: la nuova creatura non somiglia agli altri animali. Ha una volontà, domanda spazio e attenzione. Insomma, gli insegna la parola “noi” - e non solo quella. Eva è estasiata da tutto: da quell’ “Esperimento maschile” che somiglia così tanto… a un rettile; dalle cascate, da ogni animale… cui lei sa dare un nome subito, perché riconosce al volo la sua sostanza. Tutto, per lei, è mistero - laddove l’uomo vede solo un possedimento. 
            Gli equivoci e gli screzi fra i due si snodano, come se (in luogo della Genesi) si trattasse di una commedia da salotto. Finché Adamo non si accorge della bellezza della compagna. Come da copione, i due perdono il paradiso terrestre - ma Eva è felice d’aver trovato Adamo. Lei, che temeva tanto di restare senza la sua metà, se ne va prima di lui. «Ma, ovunque c’era lei…» ammette finalmente l’uomo «…c’era l’Eden». Una storia immortale, che ha fatto sorridere con i suoi richiami alla quotidianità - e che ha lasciato il desiderio di capire se davvero i rapporti fra i sessi siano sempre stati uguali, nel corso della storia. 

            Per creare un po’ di suspense e variare lo spettacolo, la storia di Adamo ed Eva era inframmezzata da altri brani. Un fungo (impersonato da una ragazza-clown) ha narrato una surreale catena di suicidi per amore. Perché non tutte le storie di uomini e donne sono a lieto fine… anche se il dolore sentimentale sa d’ironico, nella sua follia. Lo stesso sapore avevano le morti di due uomini celibi - un meccanico monco e un prete che aveva ingerito dell’incenso - o quelle di vecchiette troppo curiose, che precipitavano a catena dalla stessa finestra. “Il lonfo” era un nonsense linguistico, mentre un certo lavorante di nome “Saponetta” consegnava all’ammirazione il monumento nato… dal suo intestino. Un soliloquio rifletteva su “ghingheri” e “gangheri”, parole fossili bloccate in un modo di dire. Un amico brillante (e poco modesto) rimproverava per lettera il suo corrispondente, che pensava ad accumulare denaro senza convertirlo in nient’altro.
            Dopo il cibo per l’animo, naturalmente, è arrivato quello per il corpo. Le Donne Oltre hanno offerto ai bambini (e non solo) fette di pane e nutella, con una varietà d’altri dolci. Per raccogliere fondi, sono stati messi all’asta prodotti alimentari provenienti dalla Toscana.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 109 (giugno 2016), p. 11.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.