venerdì 13 novembre 2015

Domenica Brusinelli, 70 anni di ACLI

Il 31 ottobre 2015, la castagnata delle Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani (ACLI), a Manerbio, è stata allietata da un riconoscimento. La socia Domenica Brusinelli si era vista assegnare una medaglia e una targa in occasione del 70° anniversario dalla fondazione delle ACLI della Provincia di Brescia. Il suo merito era quello di aver preso parte alla loro storia fin dall’inizio, nel 1945.
            Oltre che socia della prima ora, Domenica era “figlia d’arte”. I suoi genitori sono ricordati per aver gestito la “Cristiania”, quella che ora è il bar-trattoria “Scià Bas”: all’epoca, luogo di ritrovo per eccellenza dei parrocchiani manerbiesi. 

            Per quarant’anni (dal 1936 al 1976), la Brusinelli lavorò al Lanificio Marzotto e fu sindacalista della CISL, in rappresentanza dell’elemento femminile. Grazie alle ACLI, aveva potuto ottenere la formazione necessaria al compito frequentando una “scuola sociale” a Brescia, dal 1952 al 1954.
            La sua longevità e la sua precoce adesione hanno fatto di lei la memoria storica delle ACLI manerbiesi. Una memoria ferrea, per di più. Ricorda anni e particolari. Rammenta anche il 1 maggio 1955, giorno in cui Pio XII fece coincidere la Festa dei Lavoratori con quella di S. Giuseppe artigiano.
            Domenica Brusinelli fu anche fra i primi a iscriversi alla Libera Università di Manerbio, quando un gruppo di volontari, con Rita Fogazzi e l’allora assessore alla cultura, Lorenzo Manfredini, la istituirono nel 2002. Ritoccando un proverbio: settant’anni da leonessa… E nessuna voglia di smettere.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 102, novembre 2015, p. 18.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.