venerdì 13 novembre 2015

Il Pedibus gioca con Cecco Angiolieri

Il Pedibus di Manerbio ha da poco visto la propria versione autunnale, dal 28 settembre al 30 ottobre 2015. Presentare ai bambini delle scuole elementari la bellezza del camminare non è semplicissimo, in detta stagione. Tuttavia, i volontari contattati dal Comune si sono impegnati per non far mancare colori e giochi neppure sotto le minacce di pioggia. In particolare, ha visto un seguito l’iniziativa “Nel mezzo del cammin…”, nata per commemorare il 750° anno dalla nascita di Dante Alighieri. Stavolta, l’attenzione si è spostata su un’altra figura: un contemporaneo di Dante, più vecchio di lui di qualche anno; come lui poeta toscano, ma di Siena e… di ben altra pasta. Si tratta di Cecco Angiolieri (1260 – 1313?). Questa fermata del Pedibus ha preso il nome dall’incipit del suo sonetto più famoso: “S’i’ fosse foco”. 

            Guidati da una neolaureata in Lettere, i piccoli hanno potuto vedere che la poesia non è solo solennità, ma anche gioco, sberleffo, vita quotidiana. Al posto dell’Aldilà cristiano, l’inferno e il paradiso delle buone bevute, delle perdite al gioco, degli alti e bassi dell’amore. In luogo dell’angelica Beatrice, la litigiosa Becchina. Il tutto presentato in modo assolutamente innocente, come un cartone animato. Ancora una volta, l’esposizione si è avvalsa di disegni a pennarelli: più complessi di quelli vignettistici riservati a Dante, che ricalcavano la matita di Marcello Toninelli. Cecco era rappresentato come un giovane azzimato e variopinto, che sognava un verso poetico. Sull’altro lato del cartone, i simboli delle sue tematiche: un fiasco col bicchiere, gli occhi adirati di Becchina circondati da cuoricini, una coppia di dadi.
            Ai bambini, è stato chiesto di immaginare cos’avrebbero fatto se fossero stati forze della natura – ripetendo il gioco di fantasia che è alla base di “S’i’ fosse foco”. È stato un piacere constatare che le loro risposte non si discostavano molto da quelle date nel sonetto, che loro non conoscevano. Potenza del lunedì mattina.
           
Nel secondo gioco, un interprete di “Becchina” doveva far indovinare a “Cecco” una parola, nel tempo di una piccola clessidra (la “parola giusta” per porre fine all’ennesimo litigio… e non si trattava di un banale “scusa”, naturalmente).
            Il terzo era il più semplice, ma anche il più gradito dai partecipanti: un mini-torneo di dadi, con l’alternanza turbinosa di vincitori e vinti. «Al tempo di Cecco, questo era il gioco degli uomini nelle osterie… chi perdeva, doveva pagare da bere. Qualcuno si ritrovava senza soldi, per questo, come succede oggi nei bar coi videopoker» spiegava la conduttrice del gioco. «Ma noi, che siamo più bravi di Cecco, giochiamo solo per divertirci».

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 102, novembre 2015, p. 20.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.