venerdì 16 gennaio 2015

Oltre la gloria


Per la prima volta a Manerbio, Sergio Rubini ha presentato un monologo in occasione del centenario dell’entrata dell’Italia nella Grande Guerra. Questa è stata una tappa della tournée dell’attore in area bresciana. Il 9 gennaio 2015, nel Teatro Politeama, la sua voce ha fatto rivivere un estratto dei diari di Giulio Douhet (Caserta, 30 maggio 1869 – Albano, 14 febbraio 1930). Lo spettacolo era intitolato Oltre la gloria. Gli scritti in questione sono raccolti, insieme ad altri, sotto il titolo La 5^ divisione alpina sul fronte della Valcamonica.
Noto per la sua attenzione al ruolo dell’aeronautica militare e al suo raffinamento tecnico, Douhet compare qui come capo di stato maggiore. I brani letti da Rubini sono relativi a ciò che avveniva sul Passo del Tonale, dopo che l’Italia era entrata in guerra contro l’Austria. Con la forza polemica e l’acume che gli sarebbero costati un anno di fortezza a Fenestrelle, Douhet denunciò a più riprese le negligenze, l’impreparazione e l’eccesso di burocrazia che –a suo dire – causarono più morti che non gli scontri armati in sé. “Per risparmiare munizioni, si gettano via gli uomini” è il riassunto delle critiche accorate.
            Douhet dimostra molta perizia tecnica nel descrivere la gestione dell’esercito e ancor più nel suggerire rimedi concreti alle inefficienze. Ma, al cuore di tutto questo, si ritrova quella che egli chiama “la conoscenza dell’elemento uomo”. Oltre la gloria  e il profitto personale, Douhet vede, sempre e comunque,  esseri umani. Questi esseri umani sono i soldati di cui l’autore “saggia il polso”, per scoprire le cause della loro “febbre”. La voce di Rubini ha ridato vita alle sue osservazioni sui caratteri, le parlate e gli umori di chi si trovava a tu per tu con la morte. Il monologo, senza altro ausilio che quello degli intermezzi musicali, ha dipinto la fiducia tradita dei soldati al fronte, la negazione delle visite dei loro cari (riservata a rari privilegiati) e la consapevolezza di morire per negligenza altrui. Douhet invita Cadorna a un esame di coscienza e non ne condona uno a se stesso, ricordando di essere stato un sostenitore dell’entrata in guerra. Non ha poi pietà per gli sciacalli, i profittatori di guerra, la stampa superficiale e gli intellettuali interventisti che, “fra sigarette e stravizi”, trovarono “naturale” farsi difendere dai contadini.
            Ancora al giorno d’oggi, a una platea immersa nel buio, la pietà profonda di Douhet e la voce efficace di Rubini hanno reso presente che “morire è una cosa assoluta”.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.