domenica 19 maggio 2013

Amor di patria


“Dal canto suo, Adrian si compiaceva di parlare in greco con Kir Nicolas:
Ma, diceva, Kir Haralambe (era il nome del padrone greco che aveva appena lasciato) m’ha fatto pagar cara la sua lingua. Credo che il numero di schiaffi che incassavo da lui in una giornata superasse il numero di nuove parole greche che imparavo ogni sera. Eppure, Kir Haralambe si diceva fiero di sapermi figlio di greco…
            Kir Nicolas esclamava:
Eh! Moré Adriani! Greci, turchi o tartari, non siamo che poveri uomini. La nazione è una parola con cui si agghindano due tipi di persone: i furbi matricolati e gli imbecilli. Purtroppo, c’è anche un piccolo numero di sinceri e d’ingenui che sono in buona fede, è grazie a loro che le frontiere si conservano. Altrimenti, sarebbe presto finita per la parola nazione.
Allora, tu non credi nella Patria, Kir Nicolas? domandava Adrian.
Ma sì, pédaki mou (piccolo mio), ci credo: di notte, quando lavoro da solo. Mi ricordo che qui sono uno «sporco albanese». Allora, penso ai bei monti su cui sono nato e su cui ho passato un’infanzia dolce e serena… E, in quei momenti, canto, o piango; ma non mi viene mai voglia di sgozzare un uomo pensando alla mia patria.”

PANAIT ISTRATI

(Codine, 1926)

3 commenti:

  1. Questo post "calza a pennello" col clima politica sia nazionale che locale...tra un po' si dovrà votare il sindaco del "nostro" paese: ci vuole spirito nazionale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma di uno spirito nazionale un po' diverso da quello dei liceali romeni che, negli anni '20, andavano in giro a gridare "Abbasso gli Ebrei"... o dei bambini greci che si inorgoglivano nel disprezzare le pietanze tipiche romene... Lo spirito nazionale che conobbe Panait Istrati e contro il quale polemizzò, come in questo brano... ;)

      Elimina

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.