mercoledì 15 maggio 2013

Non è sempre Stoccolma


“Sindrome di Stoccolma”. Un concetto affascinante e complesso che si è librato fuori dal cielo delle neuroscienze, per correre nei pascoli del linguaggio comune. Purtroppo. Non appena si vede qualcuno andar d’accordo con persone che non hanno immediatamente soddisfatto il suo ego, ecco che arriva: “Ah! Sindrome di Stoccolma…”
No, miei cari.
 La sindrome di Stoccolma è quel legame di complicità che si crea in un sequestro di persona fra il rapito (che si affida al sequestratore) e il rapitore (che è gratificato dall’abbandono “infantile” del sequestrato). Niente di scandaloso. Normale debolezza umana. Comunque, come è spiegato bene nel Dizionario Della Salute di Corriere.it, la sindrome riguarda espressamente i sequestri di persona a mano armata, con costante pericolo di vita per gli ostaggi.
Non c’entra niente con l’affetto verso un genitore/docente severo.
Non c’entra niente con la disponibilità a riconoscere un errore (secondo un codice comportamentale condiviso) e accettare la correzione conseguente.
Non c’entra niente con l’accettazione di rivedere i dogmi della propria “forte personalità” e le proprie “radicate convinzioni morali”, perché non esistono convincimenti e filosofie tali da non poter/dover essere messi in discussione dall’imprevedibilità della vita. Fino alla bara sempre s’impara. Chi si vanta d’essere “tutto d’un pezzo”, di “non cambiare mai idea”  e di “essere sempre se stesso” non è che un vanitoso. L’unico valore (se mi si concede questo azzardo) a essere davvero incrollabile è l’importanza d’imparare la lezione, anzi, le lezioni, sempre nuove e incessanti. Ed è solo da ciò che ci contraria o che ci fa paura che s’apprende davvero qualcosa d’inedito: perché ci spinge oltre i limiti confortanti che ci siamo disegnati, per farci avventurare in lande inesplorate dell’esistenza. Fino a farci scoprire che non siamo fatti di vetro. Che abbiamo dentro di noi risorse di forza e d’intelletto insospettabili. Che possiamo anche parlare, atteggiarci, ideare e affrontare come mai prima, senza per questo rinnegare ciò che siamo stati fino a quel momento. Tutte queste possibilità vengono evocate non da chi ci rimpinza di carezze, ma da chi intuisce l’oro che c’è in noi e ci spinge a purgarlo dalle scorie. Un essere umano non è una camicia: non viene al mondo per essere sempre inamidato. Ben venga ciò che produce pieghe in noi. Sono altrettanti solchi in cui seminare.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.