lunedì 5 marzo 2012

Elogio al prodigo


"La figura del prodigo mi ha sempre messo in agitazione. La leggevo e mi dicevo: 'il prodigo sono io'; poi subito cercavo le attenuanti che nel racconto sono completamente assenti. Uno non se ne va di casa senza una ragione; non fa quel passo in tempi poco propizi se l’aria di quella casa non gli è diventata assolutamente irrespirabile! Quelle ragioni, per scoprirle, il padre avrebbe potuto cercarle dentro di sé: in noi ci sono tutte le risposte; c’è qualcosa d’immanente che si trascina nei secoli, non lo vediamo solo quando non lo vogliamo vedere, quando –ancor prima del giudizio degli altri- temiamo il nostro.”



Da: Romano Franco Tagliati, Elogio al prodigo (Audio-book), Milano, 2002, produzione multimediale Terzomillennio

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.