sabato 3 febbraio 2018

I paesaggi disciolti di Claudio Volpi

pittore claudio volpi
Il pittore Claudio Volpi a Manerbio
Dal 16 al 23 dicembre 2017, la Sala Mostre del Palazzo Comunale di Manerbio ha ospitato “30x30”: una mostra personale del pittore Claudio Volpi. Il titolo alludeva alle dimensioni dei dipinti ospitati: tele quadrate di 30x30 cm, appunto. Mai come in questo caso bisogna riconoscere che conta l’intensità, non le dimensioni. 
            Claudio Volpi è nato a Casalromano (MN) l’8 agosto 1955. Nel 1970, ha iniziato a studiare pittura a olio, disegno e figura alla scuola “Leonardo da Vinci” di Cremona. Nel 1979, ha fatto parte del gruppo artistico mantovano “Valori plastici”, partecipando a varie mostre collettive e personali. Dopo un lungo periodo di pausa, è tornato alla pittura nel 2004, preferendo ampi paesaggi e scorci di campagna lombarda, perfezionandosi nella tecnica dell’acrilico su tela.
            Nel 2011, è stato invitato alla Collettiva d’Arte Contemporanea tenutasi al Quirinale e a quella ospitata dal Castello Reale Valentino, a Torino.
            A Manerbio, ha dispiegato gli aspetti tipici della sua musa. Innanzitutto, una tendenza alle figure non formali, non fondate su un disegno, che si snodano e distendono liberamente sulla tela. Allo stesso tempo, non si distacca del tutto dall’arte figurativa: le sue immagini rimandano sempre a qualcosa di noto, perlopiù paesaggi. Il colore non è scelto su basi realistiche, ma espressive: toni scuri affiancati a toni accesi, o al bianco. La tinta prediletta è il rosso. Volpi tiene molto alla corposità: dipinge a strati e crea effetti di “bassorilievo”, impiegando carta. In altri casi, il materiale di base è la plastica, sulla quale la vernice è incisa a graffi. Le immagini sono realizzate in colori acrilici.
            In questo modo, dai “30x30” di Volpi, sembrano emergere sottili betulle, campi di grano, laghi, distese innevate o angosciosamente rosseggianti, notti profonde, cupole di duomi.
            Il pittore ama curare la presentazione: ha “testato” diversi modi di incorniciare le opere, per osservarne la diversa resa. 
pittore claudio volpi
Due "paesaggi disciolti" di Claudio Volpi
            L’aspetto “indefinito” dei suoi paesaggi fa sì che essi si prestino a suggestioni e interpretazioni anche vaste. Per questo, alle tele in mostra, erano affiancati pensieri di un poeta, Diego Berzaghi. La parola sapiente dava alle vedute disciolte un significato ignoto allo stesso pittore. Le colline oltre un fiume divenivano un corpo di donna distesa; una campitura rossa il segno dello sbarco in Normandia. Oppure: “Celate di seta diafana, danzano le Meliadi, nel profumato sottofondo d’autunno boschivo”; “Candido velluto impreziosisce il cammino dell’inverno”.
            Quasi a completare il dialogo fra le arti, Volpi ha affermato di essere un appassionato di pianoforte. Del resto, come la sua pittura, la musica unisce la suggestiva indefinitezza all’espressività.


Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 128 (gennaio 2018), p. 13.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.