lunedì 5 febbraio 2018

Un buon Natale... Sotto la torre

coro sotto la torre manerbio
Il coro "Sotto la torre"
Anche per la Libera Università di Manerbio (LUM) è arrivato il momento di riposarsi e festeggiare il Natale. Perciò, la lezione del 21 dicembre 2017, al consueto Teatro Civico “M. Bortolozzi”, è stata sostituita da un piacevole concerto: quello del coro “Sotto la torre”. Dirigeva Claudio Bertolini. Con le sue voci maschili, come sempre, la formazione ha eseguito canti popolari, naturalmente a tema natalizio. La LUM ha ricevuto anche gli auguri dell’amministrazione comunale, per bocca dell’assessore Fabrizio Bosio e del sindaco Samuele Alghisi. Commovente è stata la lettura della lettera di saluto inviata dalla vedova di Pedro Almeida Carvalho: un dipendente comunale conosciuto e benvoluto, la cui improvvisa dipartita non è stata ancora dimenticata.
            Nel teatro, era stata allestita anche una piccola esposizione di presepi in miniatura, realizzata dagli allievi della LUM durante il corso d’arte del prof. Martino Pini.
            Il concerto è iniziato con alcuni versi di David Maria Turoldo, che dipingevano il Natale come un fatto cosmico, sperimentato nel paesello pastorale d’origine: la capacità di posare uno sguardo sacro e incantato su ogni cosa. Ciò è possibile, forse, solo quando ci si trova a contatto con le radici della vita (le greggi, la terra, la madre).
            È stato poi proposto un brano contemporaneo composto da Marco Maiero (Tricesimo, 1956), direttore del coro “Vôs de mont”: “Silenzio di neve”. Esso descrive il biancore incantato col quale, tradizionalmente, si dipinge la scena del presepe.
            L’ha seguito una lauda cinquecentesca: “Nell’apparir del sempiterno sole”, di Francisco Soto de Langa (Langa, 1534 – Roma, 1619). La lauda era un genere musical-poetico di origine medievale, che ricevette particolare impulso con S. Filippo Neri (Firenze, 1515 - Roma, 1595) e la sua Congregazione dell’Oratorio. Essa era infatti una forma popolare, pensata per chi non aveva compiuto studi musicali.
            Era immancabile “Tu scendi dalle stelle”, composta da un altro santo molto attento alla devozione non colta: Alfonso Maria de’ Liguori (Napoli, 1696 – Nocera dei Pagani, 1787).
            Un’accurata spiegazione della struttura musicale ha introdotto un altro pezzo: “Mentre il silenzio”, di Bepi De Marzi (Arzignano, 1935): solenne, adatto alla descrizione del silenzio e della tenebra in cui è disceso il Verbo divino.
            “Vamos, pastorcitos” è invece un vivace brano spagnolo, che esorta i pastori ad accorrere a Betlemme. “O Tannenbaum” (la cui melodia è databile tra XVI e XVII sec.) non è tanto un inno al Natale, quanto all’abete: in particolare, alle doti di costanza e fermezza simboleggiate dal suo essere un sempreverde.
            “Il est né, le Divin Enfant” (fine XIX sec.) riutilizza invece una composizione per corno da caccia.
A Luciano Casanova Fuga (San Pietro di Cadore, 1951) si deve “Campane di Natale”, che sembrerebbero trasferire la Natività sulle Dolomiti. Rigorosamente “made in Manerbio” era invece “Notte d’incanto”, di Luigi Damiani.
presepio in miniatura
Uno dei presepi in miniatura realizzati col prof. Martino Pini
“Cantan gli angeli del cielo” proponeva una melodia di Felix Mendelssohn (Amburgo, 1809 – Lipsia, 1847). “Jingle Bells” (1857), di natalizio, ha soltanto l’atmosfera innevata e la gioia di divertirsi con la slitta. La conclusione è spettata a quello che (forse) è il nume tutelare del coro “Sotto la torre”: il sunnominato De Marzi, compositore di “Maria lassù”.

Tanti modi per mostrare la differenza tra “punto fermo” e “punto morto”. Celebrare una ricorrenza vuol dire saperla far cantare… ogni volta sulle note del cuore.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.