sabato 24 dicembre 2016

Secondo Natura

Ho trovato Giovani streghe (The Craft, USA 1996; regia di Andrew Fleming) nell’elenco di film che compare sul sito A Study of Gothic Subculture. La nota che accompagnava il titolo non era entusiastica: la pellicola era stata citata unicamente perché uno dei suoi personaggi principali è una ragazza goth. Sono stata indecisa sul guardarlo o meno; ha prevalso la curiosità. Ed è stata cosa buona: The Craft, per quanto non abbia altro di straordinario all’infuori degli effetti speciali, si è rivelato ricco di spunti. 

            La protagonista è un’adolescente americana, Sarah (Robin Tunney). È rimasta orfana della madre, che è morta nel partorirla; gli immotivati sensi di colpa per la cosa l’hanno anche indotta a un precoce tentativo di suicidio. All’inizio del film, si sta trasferendo in un’altra città, col padre e la matrigna. Niente sembra essere più suo, all’infuori della camera dove campeggia la foto di sua madre e un anello lasciatole dalla medesima. Le prime impressioni sono di minaccia. A scuola, conosce Chris (Skeet Ulrich), un dongiovanni sbruffone di cui lei si invaghisce perdutamente, e tre misteriose ragazze: la gothgirl Nancy (Fairuza Balk), Bonnie (Neve Campbell) e Rochelle (Rachel True). Come lei, sono outsider. Nancy vive una situazione familiare ed economica disastrosa, che non giova di certo alle sue condizioni psichiche. Bonnie ha buona parte del corpo segnato da bruciature. Rochelle è oggetto di insulti razzisti. Soprattutto, tutte e tre sono streghe. Come hanno fatto gli outsider di ogni tempo e luogo, ricercano in un culto minoritario quel potere e quella sicurezza di sé che la società non può dar loro. La scelta di ambientare la storia in una scuola cattolica sottolinea la loro condizione di “diversità spirituale”. Colui che loro venerano è “Manon”, essere che sfugge alle categorie teologiche cristiane: «Se Dio e il Diavolo giocassero a calcio, Manon sarebbe lo stadio». La descrizione di questo essere rimanda a una concezione che possiamo chiamare panteista. Le tre ragazze sperano che il culto di Manon e la pratica della magia saranno il loro riscatto. Ma non possono ottenerlo, rimanendo in tre. Quattro sono gli elementi che compongono la Natura (terra, aria, acqua, fuoco); quattro devono essere i membri della sorellanza. Hanno bisogno di Sarah e per un legame non certo ordinario: «Meglio cadere su questa lama che entrare nella cerchia con paura. Come entri?» «Con perfetto amore e fiducia». La sorellanza è ferrea come le leggi che regolano l’universo, come in cielo così in terra. È bere l’una il sangue dell’altra.
            Una volta esauditi i propri desideri, però, il rapporto comincia a cambiare. Nancy, Bonnie e Rochelle sono insuperbite ed esaltate dai doni ricevuti. Dopo aver sperimentato l’infelicità e la miseria, il liquore del successo è troppo forte per loro. Solo Sarah si rende conto della loro insania e si pone domande morali sulle proprie azioni. Troppo pericoloso, per il membro di una sorellanza: «Se non la penso come loro, sono fuori. Questa non è amicizia».
            La radice di questa divergenza sta a monte. Fin dall’inizio, c’era una cesura visibile fra le tre streghe e Sarah. Le prime hanno un atteggiamento rapace verso la magia: rubano un potere che non appartiene loro. Che male c’è? pensano. Ogni cosa, in natura, ruba. Sì, ma solo per sopravvivere, ricorda Sarah. Lei è l’unica del gruppo a essere una strega per natura, ad avere dentro di sé le leggi dell’universo. Leggi che ogni tradizione spirituale conosce: Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te. Ogni cosa che allontani da te ritorna a te tre volte tanto.
            Non si tratta di precetti moralistici, ma di una descrizione di cosa sia la Natura: amorevole e crudele, è una forza che segue solo se stessa. Gettare un incantesimo significa comportarsi come Lei - e impone di accettare l’inesorabile. «Una volta che hai scatenato un fiume in piena, come puoi fermarlo? Puoi soltanto aspettare che le cose facciano il proprio corso». La differenza fra la strega e gli altri esseri umani è che lei è pienamente consapevole (o dovrebbe esserlo) di questo. Può scatenare l’irreparabile e da esso sarà travolta per prima. È personalmente responsabile dell’ineluttabile. E c’è un solo peccato, nella sua religione: abusare del potere concesso. Per quanto all’uomo sembri di essere signore con il proprio craft (= abilità, sapienza pratica), nessun potere gli appartiene. È tutto un dono della Natura. 

            A sopravvivere e trionfare sarà solo chi non cercherà di dominarLa, ma di identificarsi completamente con Lei, esprimendo la forza che ha già nel proprio interiore: realmente sua, dunque, non rubata - e che nessuno può rubare. Nemmeno la morte.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.