giovedì 8 dicembre 2016

Le castagne fanno buon sangue

Arriva novembre, col suo gradito carico di frutti autunnali e prodotti suini. Ne beneficia, come sempre, l’AVIS di Manerbio, per la raccolta fondi. Il 13 novembre 2016, la cittadinanza manerbiese è stata invitata al Piazzolo di via XX Settembre per l’annuale castagnata con vin brulé ed altri extra. A preparare le caldarroste ha collaborato il Vespa Club locale. Giusto per confermare lo spirito di sostegno fra associazioni, i donatori di sangue esponevano volantini dedicati all’AIDO, l’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule: la sezione provinciale di Brescia, intitolata a Laura Astori, cerca nuovi aderenti. 
            Ai banchettanti, l’AVIS ha offerto il suo nuovo calendario, dedicato alla cultura contadina e ai proverbi dialettali. Era possibile anche acquistare i biglietti di una lotteria: l’estrazione dei premi era stata fissata al 16 dicembre 2016, in occasione della Shopping Night.
           
La solidarietà si è dunque tradotta in un pomeriggio di festa paesana, con caldarroste che riempivano le dita di fuliggine, ma non mancavano di gusto, fette di salame nostrano e una pioggia di ciccioli (non saranno molto indicati per mantenersi in forma, ma guai a disprezzarli…). Per scaldarsi, oltre al vin brulé, era possibile sorseggiare tè o cioccolata. Bibite e torte completavano la festa.
            Ai potenziali sostenitori, venivano offerti palloncini fregiati dalla scritta “AVIS” - alcuni, anche a forma di cuore. Il cuore, però, si poteva misurare soprattutto dalle grosse bottiglie in plastica che andavano riempiendosi di aiuto concreto in denaro. A loro modo, le castagne possono fare buon sangue.


Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 115 (dicembre 2016), p. 18.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.