martedì 13 dicembre 2016

Le rose della notte - II, 1

Parte II: Il cielo in fiamme



1.

Quando Marcello Valenti dovette arrendersi alla sveglia, l’appartamento era in uno stato pietoso. Il vestito e la parrucca di Greta Sgarbo erano abbandonati su una sedia, come un bozzolo rotto. Il divano-letto che ospitava due dei suoi coinquilini era un caos di lenzuola arrotolate e penzolanti a terra. Si alzò intontito e aprì le imposte. Le sue palpebre lo difesero di scatto dalla luce.
            Per sua grazia, non aveva lezione, quella mattina. Aveva tutto il tempo di uscire dalla trance.
Grattandosi il pigiama sulla schiena, s’infilò nel cucinotto. Cercò di non mettere troppo a fuoco le sue condizioni, per non vomitare. Pulì il necessario, sul tavolino e sul piano di cucina; poi, si mise a far scaldare il latte. 

Prese dalla credenzina un pacco di biscotti già aperto e cominciò a sbocconcellare.
            Lo squillo del cellulare lo richiamò in camera da letto. Sbuffò: di sicuro, si era scordato di spegnerlo, quella notte. Lo recuperò a grandi passi e tacitò bruscamente la suoneria: «Pronto?»
            «Ciao, Marcello! Sono Guido…»
«Cosa ti salta in mente di chiamare a quest’ora?!»                  
«Ma… sono le dieci e mezza di mattina!»
«Appunto. È presto» sbadigliò Marcello. Si passò distrattamente una mano nei propri riccioli castano scuro (“Perché indossi la parrucca da drag queen, coi bei capelli che hai?” era il tormentone dei suoi amici).
«…mi dispiace!» boccheggiò Guido, tra il dispiaciuto e il meravigliato. «Ti ho svegliato?»
«Diciamo che hai finito di svegliarmi. Stavo preparando la colazione».
Si ricordò del pentolino con il latte. Si fiondò nel cucinotto, col cellulare incollato all’orecchio, e spense il fornello, giusto prima di cominciare ad annusare odore di panna bruciaticcia.
            Dall’altra parte del telefonino, udì Guido inspirare a fondo: «Senti, Marcello… devo dirti una cosa».

[Continua]

Pubblicato sul quotidiano on line Uqbar Love (13 dicembre 2016).


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.