venerdì 14 ottobre 2016

Streghe, libri e fabbriche di cioccolato

L’iniziativa della “Notte delle Fiabe”, curata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Manerbio, ha avuto una marcia in più: quella data dal centenario della nascita di Roald Dahl (Llandaff, 1916 - Oxford, 1990), intramontabile autore per l’infanzia. In suo onore, la Notte delle Fiabe del 17 settembre 2016 ha previsto diverse iniziative. In quattro locali manerbiesi, sono state tenute letture dalle sue opere: “La fabbrica di cioccolato” (1964), “Gli Sporcelli” (1980), “Il GGG” (1982), “Matilde” (1988). Un crocchio delle sue famose “Streghe” (1983), impersonate da figuranti, tenevano un congresso in via XX Settembre, intorno a un tavolino da tè. Ma, prima, hanno dato una mano a distribuire crostate e cioccolato per il compleanno simbolico del loro “padre”.
La torta di compleanno
La torta vera e propria era un monumento di “cake design” fatto soltanto per essere guardato; è stata portata dagli Alpini sotto il portico del municipio, per affiancare le altre opere di “cake design” realizzate durante il concorso amatoriale “Le Opere di Roald Dahl”. Questa iniziativa era stata organizzata da Claudio Zani Events Planner & Wedding Designer. Il programma prevedeva uno spettacolo sul “Piazzolo”, curato da Claudia Mor e la scuola “Fatti prendere Hip Hop Dance School - We got the attitude”; il titolo era “I Have a Dream - La Fabbrica di Cioccolato racconta il nostro sogno”. A piazza Italia, invece, era stata destinata la scuola Centro Danza, con altri due balletti a tema “Roald Dahl”. Barrette di cioccolato dedicate alla “Notte delle Fiabe” erano state distribuite precedentemente; il bambino che avesse trovato un biglietto d’oro in uno di essi, si sarebbe visto assegnare una sorpresa.
            Naturalmente, il centenario dell’autore non ha fatto dimenticare i “classici” della Notte. Le associazioni manerbiesi, come sempre, avevano i propri stand. In via IV Novembre, si presentavano la scuola di kung fu wushu e tai chi “Lushaolong”, nonché la Minervium Scherma Manerbio, che ha offerto dimostrazioni dal vivo. Sotto i portici di Palazzo Luzzago, gli Alpini e l’associazione “Una Domenica Diversa” cucinavano una cena di beneficenza a base di torta fritta; il ricavato era destinato ai terremotati del Centro Italia.
Le streghe
In via XX Settembre, oltre al congresso delle Streghe, si trovava un chiosco di zucchero filato e crêpes dolci, a poca distanza dallo stand dell’AVIS. I bambini di alcune famiglie indiane danzavano al suono di un tamburo. Il programma comprendeva nell’elenco anche il minibasket della A.S.D. Manerbio Basket, i progetti di “Mamma Africa”, l’associazione culturale “Il Vaso di Pandora”, la giocoleria di Ernesto Vigilati (meglio noto come Tino), il Gruppo Verolese Volontari Soccorso ONLUS, l’A.S.D. Tennis, l’associazione ABM - Amici Biblioteca Manerbio. In piazza Italia, erano programmate le attività dell’associazione Genitori all’Opera: una presentazione del  mondo di Masha e Orso e una pesca a premi a favore della scuola materna “G. Ferrari”. In piazza C. Battisti, giochi gonfiabili gratuiti ospitavano i più piccoli; accanto a essi, era prevista la presenza dell’A.S.D. Bassa Bresciana Rugby, per un’illustrazione delle basi di questo sport.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 113, ottobre 2016, p. 5.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.