venerdì 14 ottobre 2016

Buon compleanno, Roald Dahl!

Cent’anni fa, nacque lo scrittore Roald Dahl (Llandaff, Galles, 1916 - Oxford 1990). Di origini norvegesi, crebbe nel Regno Unito e trasfuse le proprie infelici esperienze d’infanzia nei suoi libri per bambini. Trasfigurate in senso comico-magico, esse sono diventate classici. Le sue fiabe, mai sdolcinate, mostrano l’intelligenza e il sogno prendersi la rivincita sulla prepotenza e la stupidità. Nella sua produzione, si ricordano - fra gli altri - “La fabbrica di cioccolato” (1964), “Furbo, il signor Volpe” (1970), “Il grande ascensore di cristallo” (1972), “Gli Sporcelli” (1980), “La magica medicina” (1981), “Il GGG” (1982), “Versi perversi” (1982), “Le streghe” (1983), “Matilde” (1988), “Agura trat” (1990). 

            Dato che le sue pagine hanno accompagnato bambini di diverse annate, la Biblioteca Civica di Manerbio ha pensato bene di radunarli intorno alla sua memoria. Il 13 settembre 2016, nel giorno in cui Dahl avrebbe compiuto cent’anni esatti, i piccoli manerbiesi sono stati invitati a una festa di compleanno simbolica. Davanti ai festeggianti, riuniti in giardino, è stata letta ad alta voce una fiaba dello scrittore, “Il coccodrillo enorme” (1978). Nella storia, il bestiale protagonista si avvia in cerca di bambini da sgranocchiare; i suoi piani vengono però sventati da altri animali, disgustati dalla sua ingordigia e dalla sua prepotenza. Nella lettura, si alternavano le voci di Andrea Manera, Giovanna Solimeo e del bibliotecario Giambattista Marchioni, trasformato per l’occasione nel Willy Wonka de “La fabbrica di cioccolato”. Nel frattempo, si aggirava una “Strega Suprema” in versione estiva, senza guanti e con ombrellino parasole in pizzo nero. Particolarmente notevole, ai fini della cronaca mondana, era il cappello di una maestra, a forma di torta di compleanno.
            Alla fine, la fiaba si è invertita: sono stati i bambini a poter mangiare un succulento coccodrillo, naturalmente sotto forma di torta-gelato. Oltre a questa, sono stati distribuiti panini alla nutella, bicchieri d’acqua e tavolette di cioccolato in involucri dedicati alla “Notte delle Fiabe”. Essa si terrà per le vie di Manerbio, la sera del 17 settembre 2016, e anche il suo programma prevede ampio spazio per il centenario di Roald Dahl. Uno scrittore immortale come lui può ben permetterselo. 

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 113, ottobre 2016, p. 15.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.