venerdì 21 ottobre 2016

Le rose della notte - I, 3

Parte I: Sorelle



3.

Diana s’immerse nel vicolo che fiancheggiava la sede delle Poste pavesi. Quel budello era vergine d’ogni lume. Si lasciò cullare dal buio, dalla calma alcolica che le aveva donato la serata al “Sottovento”. In fondo, facevano capolino gli alberi di piazza Leonardo da Vinci.
            Qualcosa le urtò una spalla. 

«Scusa…»
            Si riscosse.
A parlarle, era stata una voce di soprano leggero. Mise a fuoco la scena.
Nell’ombra, si disegnava una figura sottile, avvolta in un cappotto assottigliato intorno ai fianchi. Una testa piccola e tornita, fasciata da una matassa di capelli che s’indovinavano castano-rossicci, apriva verso di lei occhi umidi e perlati. Diana percorse l’immagine di quella ragazza fino ai piedi quasi cinesi, stretti negli stivaletti che li difendevano dalla stagione. Mani altrettanto minute, in guanti di lana, si levavano in un gesto di giustificazione.
            «Nessun problema!» rassicurò Diana con franchezza, sedotta più da quelle dita aggraziate che dalla cortesia delle scuse. «Piuttosto, tutto bene? Mi pareva che stessi correndo…»
            «No, niente…» Era difficile dire se l’altra fosse arrossita. Di certo, Diana si stupì della propria indiscrezione. Non amava far domande, tanto quanto detestava riceverne. Ma, per qualche motivo, non aveva voglia di troncare tanto presto quell’abboccamento accidentale.
            «Va bene. Occhio ai cattivi incontri!» concluse, con un sorriso ammiccante. La sconosciuta accennò una risata e la salutò. Diana seguì con lo sguardo i suoi passetti fini e nervosi, finché lei non fu scomparsa in via Bordoni.

[Continua]

Pubblicato sul quotidiano on line Uqbar Love (21 ottobre 2016).


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.