mercoledì 22 novembre 2017

Vivaldi: dall’oblio al ritorno alla fama

Chi non ha mai sentito parlare del compositore Antonio Vivaldi (Venezia 1678- Vienna 1741)?  Così famoso oggi, morì dimenticato e in rovina. I manoscritti delle sue composizioni musicali, fra eredità, passaggi di mano, lasciti e acquisti, riemergeranno all’inizio del Novecento. L’avventurosa vicenda è stata romanzata da Federico Maria Sardelli, in: L’affare Vivaldi (Palermo 2015, Sellerio). 
trio Nobis Tansini Sesenna
Il trio Franco Nobis, Marco Tansini e Silvia Sesenna
Una serata nel salone di rappresentanza del Municipio manerbiese è stata intitolata, appunto: “Vivaldi: dall’oblio al ritorno alla fama”. Era stata organizzata dal Comune (Assessorato alla Cultura) e dall’associazione Amici della Biblioteca di Manerbio. La data era il 22 ottobre 2017.
            Erano stati invitati Franco Nobis (flauto), Marco Tansini (flauto) e Silvia Sesenna (clavicembalo). Prima di ogni pezzo musicale, veniva esposta una “puntata” dell’ “affare Vivaldi”. Dal 1741, si passò al 1922: anno in cui, a Borgo San Martino (Monferrato), morì un nobiluomo della casata genovese Durazzo. Possedeva una biblioteca molto curata, ricca di manoscritti, che volle lasciare ai Salesiani del luogo.
Nel 1926, i religiosi decisero di venderla, per raccogliere i fondi necessari a ristrutturazioni non più rimandabili. La valutazione dei manoscritti fu affidata al direttore della Biblioteca Nazionale di Torino, Luigi Torri. Questi, a propria volta, consultò il musicologo Alberto Gentili. I manoscritti si rivelarono essere una collezione sterminata di composizioni musicali. Gran parte di esse era firmata da Vivaldi. Per non disperdere la collezione, i professori decisero di farla acquisire alla Biblioteca Nazionale. L’ingente somma necessaria giunse dall’agente di cambio Roberto Foà: offrì il denaro di tasca propria, purché i manoscritti costituissero un fondo dedicato al figlio, prematuramente defunto. Nacque così la Raccolta Mauro Foà. Ben presto, fu evidente che essa comprendeva solo i volumi dispari della collezione. Grazie a Faustino Curlo, esperto di araldica, fu condotta una ricerca lungo i rami di casa Durazzo, fino a reperire l’altra metà. Ancora una volta, i fondi per acquistarla giunsero in memoria di un figlio precocemente perduto: Renzo Giordano, il cui padre era l’industriale tessile Filippo Giordano. Accanto alla prima raccolta, ne fu così costituita una seconda.
Nel 1939, a causa delle leggi razziali, Gentili dovette lasciare l’università. I materiali vivaldiani non verranno così pubblicati dal loro storico studioso. Rimane però, presso la Biblioteca Nazionale di Torino, la maggiore raccolta di manoscritti firmati Vivaldi.
Di quest’ultimo, durante la serata, non sono state eseguite le celeberrime “Stagioni”, bensì pezzi meno conosciuti al grande pubblico: Trio in re maggiore RV 84. Allegro, Andante, Allegro; Trio in sol maggiore RV 80. Allegro, Larghetto, Allegro; Concerto con due flauti traversi in do maggiore RV 533. Allegro, Adagio, Allegro.
clavicembalo silvia sesenna
Il clavicembalo di Silvia Sesenna.
La locandina comprendeva anche un pezzo di J.S. Bach, a dimostrazione di come i compositori settecenteschi impiegassero Vivaldi per apprendere lo stile italiano. Ma è stato sostituito da un altro brano.

Protagonista della serata era anche il clavicembalo: uno “strumento vivo”, come ha detto Silvia Sesenna. “Vivo”, perché il legno di cui è composto reagisce al clima; perché ha una voce “personale” e permette a ciascun suonatore di trovare il proprio tocco e stile. Ebbe il suo periodo di gloria nel ‘700, per poi essere sostituito dal più sonoro pianoforte. Dimenticato e redivivo, come Vivaldi.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.