sabato 25 novembre 2017

Tra il bianco e il nero

Un plin! apre
anelli
d’aria
attorno
al tuo dito.
tra il bianco
e il nero
dei tasti;
una piega bruna
nelle ciglia.
S’acquatta la tua anima
nei propri “dolci bruttissimi versi” (1)
-così li direbbe Gozzano.
Anch’essa ha lo sfarzo goffo
d’un melodramma:
grappolo di ninnoli, “palpiti” e “ardori”,
che pure strappan,
tra i sogghigni, una lacrima.
Ho numerato i tuoi eccessi
in un libretto
di rime spaiate,
abbozzato nel margine
fra il cuore e il capriccio.
Poi, li ho cullati uno per uno
e ho sorriso –sono loro a tenermi
qui, beata
nei velluti grotteschi
d’un palco che guarda
sul tuo cuore.

mani pianista


(1)    Cfr. Guido Gozzano, “L’amica di nonna Speranza”, I Colloqui (1911), v. 32.

Pubblicato su: AA.VV., Dieci anni I, a cura di I.v.a.n. Project, Villasanta (MB) 2017, Limina Mentis, p. 24

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.