venerdì 24 novembre 2017

Esercitazioni al pianoforte

rampicante sui muri, in corridoio.
È un sentore di musica arcana,
il pregno brivido del golfo mistico
quando inizia il serpeggio degli accordi.
E infatti: cadon boccoli argentini,
la pioggia carezzevole del piano-
forte. Incontran lo specchio dei miei orecchi
e si frangono in stille, in mille lucciole.
Non so distinguere Mozart o Handel,
né padroneggio la danza sofistica
che si arzigogola su un pentagramma.
Ma quel fantasma di corde ha una voce,
anzi, più d’una. Non sarà la pioggia
nel pineto e nemmen sarai Ermione
tu che m’aspetti; ma vuole silenzio
anche questo stillar di note incerte,
vuole che io mi perda nel suo bosco
-per ritrovarti, aprendo quella porta,
seduto al consüeto pianoforte.

pianoforte amore


Pubblicata in: AA.VV., Dieci anni I, a cura di I.v.a.n. Project, Villasanta (MB) 2017, Limina Mentis, p. 23.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.