giovedì 21 aprile 2016

Manerbio per Asia Bibi

Nel biblico Libro di Daniele, è narrata la storia di Susanna (13, 1 ss.): una donna ingiustamente condannata a morte, sulla parola di due uomini autorevoli che l’avevano insidiata. La sua storia è reale oggigiorno, nella vicenda di Asia Bibi (N. 1971 circa). Donna pakistana del Punjab, cristiana cattolica in un Paese a prevalenza musulmana, era una lavoratrice agricola. Le sue compagne di lavoro mal sopportavano quell’ “intrusa”, per di più nominata responsabile. Una lite attorno alla fonte d’acqua, poi l’accusa: “blasfemia”, che - in Pakistan - è reato capitale e infamante. Dal 2009, la vicenda penale di Asia si trascina. Giudici e autorità civili riconoscono la sua innocenza, ma c’è una fatwa (= sentenza di un esperto di legge coranica) che impegna ogni “buon musulmano” a troncare la vita della donna. I due testimoni maschi che hanno convalidato le accuse delle lavoratrici ammettono di non aver udito la bestemmia, ma affermano che “Asia ha confessato”. Peccato che fosse una confessione falsa, nata dalle torture e dal logorio psicologico. 

            Di questo tratta “Libertà per Asia Bibi” (2015), il documentario curato dal regista e produttore Carlo Infanti. Parte di esso è stato proiettato a Manerbio, al Teatro Civico “Memo Bortolozzi”, il 6 marzo 2016. Era presente la vicesindaco Nerina Carlotti, insieme a Elena Ungari, in rappresentanza della parrocchia locale. Carlo Infanti era ospite di persona. 

            Nerina Carlotti ha aperto l’incontro, ricordando come la vicenda di Asia Bibi sia solo una delle molte che hanno luogo fra India e Pakistan, dove la delazione e la calunnia sono strumenti di controllo e intimidazione. Soprattutto in Pakistan, Al Qaeda e il Movimento talebano fomentano il terrore e le emozioni religiose di una popolazione incapace di difendersi intellettualmente.
            Ad Asia, è stata offerta una possibilità: convertirsi all’Islam, sposare un altro uomo e abbandonare la propria famiglia. Non ha accettato. Il suo caso - che fu notato accidentalmente da una giornalista francese - è così diventato anche un simbolo di lotta per la libertà di culto e il dialogo interreligioso. Elena Ungari ha citato S. Caterina da Siena, la quale sottolineò - già nel XIV secolo - che “niuno Stato si può conservare nella legge civile in stato di grazia senza la santa giustizia”. Ha citato anche l’enciclica “Mulieris dignitatem” di Giovanni Paolo II (1988).
            Invitato a parlare, Carlo Infanti ha commemorato un altro coraggioso regista: Theo Van Gogh (1957-2004), discendente del fratello del celebre pittore. Nel suo cortometraggio “Submission” (2004), mostrò una donna musulmana che pregava. Le sue invocazioni denunciavano le violenze subite dai parenti maschi. Il film costò la vita al regista.
            Ma, anche in un Paese “laico” e “liberale” come l’Italia, non va sempre tutto perfettamente. Il film-inchiesta di Infanti su Aldo Moro, “La verità negata” (2008), non è stato distribuito. Le spese per produrlo sono state riassorbite solo grazie a ordinazioni private di copie del film.

            Quanto ad Asia Bibi, Infanti si sta personalmente impegnando per aiutarla a fuggire dal Pakistan. A questo scopo, ha depositato in diversi Comuni una petizione per conferirle la cittadinanza onoraria. Essa è stata anche messa a disposizione dei manerbiesi. Come cittadina onoraria, infatti, Asia avrebbe diritto a soggiornare su suolo italiano. Sul sito www.asiabibi.org , è invece attiva una petizione per chiedere la sua scarcerazione.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.