giovedì 21 aprile 2016

Lunedì con l'autore

Non si ferma la voglia di “cultura a tavolino”, almeno per alcuni manerbiesi. Perciò, Diego Baruffi ha ideato un’altra iniziativa, per presentare le nuove pubblicazioni locali: “Lunedì con l’autore”. Per due lunedì consecutivi, il Lady Caffè del “Piazzolo” ha ospitato autori di raccolte poetiche recenti, rigorosamente “made in Manerbio”. 

            Il primo, il 7 marzo 2016, è stato proprio Baruffi, col suo “La via del cuore”. Attraverso le parole dell’autore e la voce di una lettrice, sono risuonati nella saletta del bar i versi già festeggiati al Politeama, lo scorso 23 gennaio. È tornata la poesia d’apertura, dedicata alla moglie e al figlioletto dell’autore. È stata narrata una passeggiata “Nella notte” (p. 12), per le viuzze dimenticate del paese, mentre il passato incombeva alle spalle. Un distico ha congelato un “Addio” (p. 14) in un “tramonto senza sole” (v. 2). È stata condannata una figura davvero senza tempo: “La donna del trono” (p. 21) che si nasconde in ogni persona fortunata, superba e ingrata. I versi commossi e immediati di Baruffi hanno coinvolto il pubblico in un’atmosfera quasi familiare.
            Il 14 marzo 2016, è stata la volta di Erica Gazzoldi, col suo “La biblioteca di Belisa” (2015, Limina Mentis). È stato presentato come prosecuzione de “La tessitrice di parole” (2011, Marco Serra Tarantola Editore). Anche qui, infatti, si ha una raccolta di poesie inserita in una cornice in prosa fiabesca. Anche qui, una voce maschile dialoga con un personaggio femminile. Belisa deve il proprio nome a Belisa Crepuscolario, la venditrice di parole creata da Isabel Allende in “Eva Luna racconta”. Ricalca le parole dell’amante di Eva Luna la frase citata in quarta di copertina: “Vorrei un libro… un libro che non hai mai fatto leggere a nessuno”.
            I versi sono passati dall’affetto di un amico - simile a quello schivo di un gatto (p. 43) - a una “Fantasia blues” (p. 191) che descriveva plasticamente una passeggiata nel degrado. Un “Esorcismo” (p. 218) esprimeva malinconico amore per una persona dolce e inquieta. A richiesta dei presenti, è risuonata la voce di un “Celebrante” (pp. 50-51) incapace di dare un senso al dolore di un funerale, seguita da un omaggio a Manerbio in versi dialettali. 

Buona parte del calore, anche stavolta, è stata dono del pubblico, che si è infervorato a discutere di come venga trattata la cultura in Italia. È stata trattata anche la questione dell’ispirazione: emozione o pensiero? Immediata o remota?

 I bar saranno pure luoghi per dimenticare (e dimenticarsi), fra alcool e televisione; ma sono impagabili, nel ravvivare la voglia di stare insieme - di leggere insieme.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.