giovedì 28 aprile 2016

La nipote del diavolo - I, 10

Parte I: Fili pendenti



10.

Nilde si compose sulla poltroncina in velluto e fissò in volto lo zio. La Minerva di gesso, nella penombra, sembrava più vigile – più viva.
            «Come sicuramente ricorderai, tornare a vivere con me e a seguire i tuoi studi era soltanto la prima parte del nostro patto» esordì Michele Ario. «La seconda prevedeva che tu imparassi a usare realmente la katana che ti avevo regalato».
La ragazza annuì. La scena nella chiesa di S. Michele Maggiore era nitidissima nella sua memoria. Quel duello mancato, che avrebbe dovuto concludere la guerra fra lei e l’unico familiare che le fosse rimasto. La navata deserta, per la complicità del parroco, che voleva aiutare l’amica del nipote prigioniero. La scoperta di non essere ancora cresciuta abbastanza per chiudere il conto.
«Dunque, ti presento la tua maestra: la signorina Irene Serra».
            Nilde rivolse l’attenzione a quella figura sconosciuta, seduta di fronte a lei al tavolo della biblioteca. Una miniatura di porcellana, con occhi neri e affusolati, mani piccole e una folta capigliatura corvina. Vi era, nella figura di Irene Serra, una cortesia adamantina, che non cedeva alcunché alla mollezza. Aveva la leggerezza dei fiori di ciliegio e il loro stesso candore glaciale. L’allieva ricevette la sua ferma stretta di mano. 

            «Per tutto il periodo della tua istruzione, risiederai a casa sua e farai quello che lei ti dirà» scandì Ario. «Ci rivedremo quando sarai pronta».

[Fine prima parte]



Pubblicato su Uqbar Love, N. 181 (28 aprile 2016), p. 17.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.