martedì 23 ottobre 2012

Ode corretta ai nemici


 
“Miei amati, miei cari nemici!
Devo confessarvi la mia simpatia.
Se voi foste di meno qui intorno –
uno potrebbe cadere nell’apatia.

Mi aggrada il vostro subbuglio.
Vi divido in tipi e in ranghi. Siete
il mio consueto allenamento quotidiano,
i miei attrezzi, i pesi e le sbarre.
 
La forma fisica è una bella sensazione.
Faccenda noiosa –vivere senza battaglie.
A causa della vita tranquilla uno
ingrassa nel cuore e perde il girovita. 

Grazie a voi, perché non siete polpa.
La mediocrità non va bene per essere nemici.
Se ho i bicipiti dell’anima –
è perché ho combattuto con voi. 

Quindi lode a voi!
Preservate il coraggio.
E consentitemi di battervi con garbo:
se voi mi piegherete sotto un arco,
quest’arco sarà, certamente, voltaico.” 

LINA KOSTENKO
(trad. di Paolo Galvagni)

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.