venerdì 5 ottobre 2012

La misoginia è un venticello...


In data 5 ottobre 2012, Il Fatto Quotidiano ha pubblicato questo trafiletto di Nanni Delbecchi:
 
 
In altre parole: vietato parlare di “storia di genere” e “discriminazioni sessiste”, perché si dà noia alle orecchie e si inducono al suicidio i maschietti, i quali –poverini!- devono pure ascoltare le donne che hanno accanto.
 
Riporto l’e-mail che ho scritto al  giornale:
 
Spettabile redazione,
ho trovato incomprensibile il sarcasmo di Delbecchi circa le ricerche di Michela Marzano sulla toponomastica femminile. Non si tratta di "cacciare scoop", ma di guardare in modo più approfondito una realtà familiare della nostra storia di genere: la difficoltà a dare spazio ai personaggi storici femminili nella nostra memoria e la tendenza a privilegiare quelli maschili, anche se mediocri. È un dato di fatto che dovrebbe far pensare, anche se vi siamo talmente abituati da darlo ormai per scontato. Dunque, sarebbe "petulante", "pedante" e "ridicolo" parlare di storia di genere e condizione femminile? Se questo è il vostro modo di far giornalismo e di affrontar la concorrenza delle altre testate, siatene fieri. Cordiali saluti.
 
Va da sé che trattare di condizione femminile non è necessariamente “anti-maschi”. Anzi: qualche rappresentante del “sesso forte” scende in campo personalmente, per arricchire il dibattito. Vi riporto, per esempio, a questi due post di Megacle: Storie dimenticate di donne all'opera [1] e Storie dimenticate di donne all'opera [2].


3 commenti:

  1. Maria Pia Ercolini5 ottobre 2012 20:03

    Peccato, sembrava un bel giornale!

    RispondiElimina
  2. Approfitto dello spazio per ricordare che oggi il Papa ha proclamato Dottore della Chiesa Santa Ildegarda di Bingen (la quarta donna di questo venerabile gruppo) che, oltre a tutte le attività legate alla chiesa, fu anche tra i più antichi compositori (in assoluto) di cui sappiamo il nome.
    Qualche notizia in più su Ildegarda http://it.wikipedia.org/wiki/Ildegarda_di_Bingen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Megacle, grazie della graditissima (e importante) notizia. :-)

      Elimina

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.