domenica 19 luglio 2015

Per chi suonano le campane?

Chi era nei pressi della Torre Civica di Manerbio, il 23 giugno 2015, ha potuto assistere a un curioso spettacolo: le campane venivano estratte dalla propria cella e calate a terra. Si trattava di un evento previsto almeno dal marzo dello stesso anno. Il mensile parrocchiale Il Ponte (Anno LVIII – N.2 – Marzo 2015) aveva annunciato, infatti, che gli isolatori in legno che ammortizzavano le vibrazioni delle campane si erano deteriorati (pag. 48). La supervisione della delicata operazione, naturalmente, è spettata all’arciprete don Tino Clementi; a rappresentare il Comune (proprietario della torre), c’era il giovane assessore alla cultura, Fabrizio Bosio.
            D’altronde, le belle canterine in bronzo, pur non dimostrandola, hanno una certa età. Quelle attuali furono innalzate nel 1947, a sostituire quelle di cui la parrocchia di S. Lorenzo Martire era stata privata durante la Seconda Guerra Mondiale. Infatti, un decreto del 23 aprile 1942 aveva imposto a ciascuna parrocchia la consegna di un quintale di bronzo in base al peso globale calcolato su tutte le campane che possedeva. Cosicché, i manerbiesi furono costretti a cedere al Sottosegretariato di Stato per le fabbricazioni di guerra 4539 kg di bronzo e 33900 kg di ferro. Così viene ricordato nell’opuscolo Per chi suonano le campane?..., firmato dalla locale Azione Cattolica Ragazzi e dotato di una prefazione dell’attuale arciprete. (Esso è disponibile in archivio parrocchiale). Il fascicoletto riporta alcune note storiche redatte da don Battista Reali, il parroco che benedisse la colata metallica da cui nacquero le attuali campane (Per chi…, p. 13). L’opuscolo comprende anche un elenco completo delle suddette, con il loro peso, il nome dei padrini che le donarono alla parrocchia, le dediche ai santi e relativi medaglioni con immagini sacre (p. 14).
            È un concerto completo di otto campane che formano la scala diatonica in “Si naturale grave”. La principale (detta “Campanone”) è dedicata al patrono della parrocchia, S. Lorenzo martire. Essa porta incisa la scritta “Beato Laurentio Levitae Christi Huius Plebis Titulari” (= “Al santo Lorenzo, diacono di Cristo, titolare di questa pieve”). I medaglioni che decorano il “Campanone” ritraggono S. Lorenzo (ovviamente), il Buon Pastore, S. Gaetano e Papa Pio XII. Il suo padrino è Gaetano Marzotto, Conte di Castelvecchio. La campana pesa 24 quintali. 

            Il succitato numero de Il Ponte prevedeva spese ingenti per questa operazione (€ 20/25000, più imposte di legge), in un periodo in cui la parrocchia manerbiese deve già affrontare la prossima demolizione dell’edificio principale dell’oratorio e il restauro dell’organo ottocentesco. Tuttavia, ciò non ha frenato quel pizzico di romanticismo suscitato dal vedere il volto della voce che accompagna giornate, feste e lutti ormai da sessantotto anni.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N° 98, luglio 2015, p. 12.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.