sabato 4 aprile 2015

Risvegli

“Il mondo non mi domina più dall’alto. È sotto di me. Ho fatto una capriola e l’ho inghiottito”. Così raccontava L. T. S., dopo aver sperimentato il kensho, l’ “illuminazione” dello Zen (Uqbar Love, N. 120, 24 gennaio 2015, p. 8).
            Ogni persona che vive una conversione inghiotte il mondo: le abitudini, le convinzioni, le passioni precedenti, finanche se stessa. Sperimenta un luminoso stordimento quasi simile alla pazzia, agli occhi di chi vi assiste. E quello è, allo stesso tempo, un approdo e una partenza.
            Agostino d’Ippona inghiottì il mondo leggendo i Vangeli e le epistole paoline: un tuffo dalle parole della retorica in una Parola d’altro genere. L’effetto fu una luce di sicurezza infusa nel cuore (cfr. Confessioni VIII, 12), dopo lo stato di somma tensione e frustrazione che precedette la conversione. Tanto l’accumulo di tensione, quanto le lacrime di Agostino ricordano lo stato d’animo di coloro che hanno affrontato l’esperienza del sesshin, giornate di meditazione intensiva e collettiva nei monasteri zen (vedasi ancora Uqbar Love, N. 120, 24 gennaio 2015, pp. 7-8). Simile è la necessità di raggiungere un “punto di rottura” intollerabile, prima di sentirsi infondere la luce di sicurezza. Agostino ha però la certezza interiore di un “Tu” con cui relazionarsi e parlare, con cui identificare la bellezza così antica e così nuova che si nascondeva dentro di lui, mentre egli la cercava fuori di se stesso (cfr. Confessioni X, 27). Questo “Tu” è, allo stesso tempo, residente nell’anima umana e creatore di tutto quanto sta al di fuori di essa (cfr. ibid.). Per conoscerlo, bisogna consultarlo e ascoltarlo (Confessioni X, 26). Il “divino” sperimentato da Agostino non è più – come nel politeismo latino – questa o quella forza della natura, questo o quell’aspetto della vita civile rappresentato in modo antropomorfo; purtuttavia, non può fare a meno di essere concepito come una persona capace di relazione. Chi ha vissuto il kensho, invece, si descrive come parte di un unico grande Sé miracoloso, di un Tutto, in cui non ci sono più un “io” e un “tu”. (Cfr. Uqbar Love, numero citato). La caduta della barriera fra l’ego e ciò che sta al suo esterno provoca una limpida visione d’ogni cosa e una perfetta comprensione d’ogni vivente (cfr. ibid.). Il tipo di risveglio – o conversione – sembrerebbe dunque essere condizionato dal bagaglio di spiritualità e convinzioni che l’interessato porta in sé, nonché dal contesto specifico in cui l’ “illuminazione” avviene.
            Se volessimo esprimere la sostanza d’ogni risveglio, potremmo forse rivolgerci alla capacità d’intuizione dei poeti – alla penna di Eugenio Montale:

Forse un mattino andando in un’aria di vetro,
arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
di me, con un terrore di ubriaco.

Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto
alberi case colli per l’inganno consueto.
Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zitto
tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.





Pubblicato su Uqbar Love N. 129, 2 aprile 2015, p. 7.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.