martedì 21 aprile 2015

Rabbia e rabbia

C’è la rabbia di chi è cresciuto sano, amato, con qualche problema, ma nessuna tragedia: normale, in poche parole. La rabbia di chi, uscendo dal guscio, scopre che il mondo non è tutto come dovrebbe essere, ovvero il calco in gesso di casa sua. La rabbia del normale che si considera un buon esempio, o addirittura uno spirito eletto, fra tanti subumani. La rabbia di chi si erge a “degno offeso” quando gli viene rivolto anche solo un minimo segno di contrarietà, ma pretende una “libertà” che è quella di giudicare, condannare e reprimere chi non è un buon esempio come lui. La rabbia di chi crede d’aver trovato una Verità Assoluta da propinare a chiunque – e chi cerca di frenare il suo delirio è un mistificatore o un dittatore. Diamine, non si può più nemmeno dire la Verità?
            Poi, c’è la rabbia di chi incontra costui. Di chi si deve sentir dire che è un pagliaccio o un estremista dal Normale solo perché desidera ciò che anche quest’ultimo ha (ma TU non puoi! TU sei difettoso! TU non sei come me!). La rabbia di chi chiede conto al Normale delle sue pretese di essere un modello, di poter insegnare agli altri senza aver realmente niente di superiore da ostentare. La rabbia di chi incontra l’ipocrisia di quelli che reclamano la libertà di limitare la libertà degli altri. La rabbia di chi si sente dare del vittimista, perché, in fondo, non sta mica morendo di fame! Evidentemente, l’uomo vive di solo pane e l’ingiustizia non fa male a nessuno.

            La rabbia non è uguale per tutti.


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.