mercoledì 11 aprile 2012

Lettera a Dante sugli Ignavi


Nel mezzo del cammino di tua vita,
perché, o Alighier, ti sei fermato
a dir degli Ignavi la sorte trita?

“Non ragioniam di lor” avea avvisato
il duca tuo; guardando e passando,
a dir quel silenzio ti sei impegnato.


Cosicché, per non passar da nefando,
ogni Italiano si sceglie un’insegna
e la rincorre, a richiesta del bando.

Chi sia più bravo a portare la legna
al fuoco, guelfo o ghibellin (non conta),
toccherà a te indicar dalla rassegna;

a noi, quaggiù, resta la noia o l’onta
di viver nei gironi d’uno stadio,
per non incorrer nella pena pronta

contro chi usa il cervello più del gladio.





Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.