giovedì 14 luglio 2016

La nipote del diavolo - III, 2

Parte III: Colloqui



2.

Mentre si avviava, come faceva da anni, verso la casa di Irene Serra, Amedeo notò qualcosa di simile a nubi bianco-rosate salire dal suo giardinetto. Ciliegi carichi di fiori. Il giovane sorrise fra sé, al pensiero di quell’austera maestra di spada così innamorata delle grazie naturali. 

Lui aveva decisamente altri pensieri, in quel periodo. Dopo la laurea in Medicina, aveva cominciato a esercitare la professione di ostetrico e la sua mansione di responsabilità – unita alla giovane età – lo rendeva spesso nervoso. Nilde, invece, era reduce dalla laurea magistrale in Lettere antiche.
            Suonò il campanello e gli rispose, regolarmente, la voce della sua fidanzata. Ma la figura che gli venne incontro nell’ombra serale, lungo il vialetto, lo rese stupefatto.
Era lei, certo. Tuttavia, la sua figura flessuosa e dagli abiti scuri irradiava un atteggiamento che non le aveva mai visto. Una serenità e una chiarezza di sguardo che parevano pervadere il suo passo leggero e regolare. Il suo volto guardava con distacco e, allo stesso tempo, ogni cosa poteva dirsi compresa in esso – come negli occhi della Minerva in gesso, in quella biblioteca dove Amedeo aveva vissuto le proprie peggiori angosce e le più profonde ebbrezze.
Le braccia di Nilde lo strinsero, forti, ma senza foga. Mentre lui le carezzava la schiena, la ragazza gli rivolse un limpido sussurro: «Sarà presto. La prossima luna piena… sarà l’ultima per mio zio o per me».

[Continua]

Pubblicato sul quotidiano on line Uqbar Love (14 luglio 2016).


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.