mercoledì 6 luglio 2016

La nipote del diavolo - III, 1

Parte III: Colloqui



1.

Michele Ario attraversò l’arcata profonda e biancheggiante dell’ingresso e il cimitero di Pavia si aprì a lui. Camminò a fianco dei portici che ombreggiavano i loculi, disegnando un percorso invisibile e noto fra i vasti cortili. Giunse infine a una tomba di famiglia, con il cognome ben in vista sul frontone: “ARIO”. 

            Angeli femminei, dalle vesti fidiache, tendevano ai visitatori le mani ormai erose. Lui distolse lo sguardo da loro ed estrasse una chiave dalla tasca. Aprì il cancelletto del cenotafio.
All’interno, gettò un’occhiata alle pareti punteggiate da loculi – ciascuno con scheletri di fiori e lumini estinti. Solo quattro lapidi sembravano aver ricevuto qualche cura: quelle dei genitori di lui, gli anziani coniugi Ario; quella del fratello Leonardo; e quella di Virginia Lupi in Ario, la moglie di quest’ultimo.
            Michele si soffermò sull’ovale incorniciato della fotografia. Luminosi occhi azzurri, incarnato d’alabastro, ricche chiome color autunno. Virginia era una versione più matura della figlia Nilde, ma con un raffinamento di malinconia che la giovane amazzone non aveva mai conosciuto. Lo psicologo si lasciò indagare da quegli occhi di patina; la mano appoggiata sulla lastra di marmo gli trasmetteva un gelo vibrante.
            Guardò verso il basso. Non un loculo aveva voluto per Nilde, ma un sarcofago decorato col volto d’un angelo preraffaellita. Là le avrebbe fatto passare il breve soggiorno da morta apparente, se non fosse fuggita dalla camera mortuaria del Policlinico. Avrebbe lasciato qualche spiraglio, nella chiusura del sepolcro; e, nottetempo, avrebbe liberato la ragazza lui stesso, come una novella Giulietta.
            Era andata diversamente. Pazienza.
Sfiorò l’orlo del sarcofago. Troppo piccolo per lui. Nilde avrebbe dovuto rivedere la propria promessa di seppellirlo lì dentro.


[Continua]

Pubblicato sul quotidiano on line Uqbar Love (5 luglio 2016).

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.