sabato 16 luglio 2016

Anche a Manerbio è arrivato il WWKiP

Sferruzzare è il tipico lavoro-passatempo della solitudine domestica. Si può coltivare questa passione senza mai venire a sapere che abbiamo intorno a noi altri che la condividono. Per questo, nel 2005, Danielle Landes pensò bene di invitare gli amanti di uncinetto, telaio e ferri da calza a riunirsi in piazza, in tutto il mondo. Così nacque il World Wide Knit in Public Day (WWKiP), la Giornata Mondiale del Lavoro a Maglia in Pubblico. In principio, quest’iniziativa - sempre a opera di volontari - si teneva dal secondo sabato alla terza domenica di giugno. Nel 2015, la data è stata fissata al 13 giugno. 

A Manerbio, invece, la prima edizione del WWKiP ha avuto luogo il 18 giugno 2016. L’organizzazione è stata assunta da Gloria Colucci, pioniera della merceria e titolare della bottega creativa OHLALA!, in via XX Settembre. Gli sferruzzatori sono stati accolti dai tavoli esterni della caffetteria Lady. La maggior parte di loro erano tradizionali signore; ma non mancavano giovanotti e ragazze moderne con occhiali da sole e gel nei capelli. Hanno preso posto anche una fanciulla preadolescente e i membri di una comunità per disabili. I principianti assoluti potevano affidarsi alle istruzioni di Gloria e imparare a creare pezzi di sciarpa, con un telaietto in plastica e un uncinetto.
Fra la compagnia, il relax e le ottime torte offerte dalla casa, sono cadute diverse diffidenze verso un lavoro “complicato” o “da nonne”. La maglia può essere anche colore, piacere di creare con le proprie mani qualcosa che prende forma lentamente, con sorpresa del realizzatore stesso. La vitalità del lavoro era incarnata da Gloria stessa: capelli tinti di rosa, tatuaggi e tantissima passione.
Le tecniche fra cui si poteva scegliere - come abbiamo accennato all’inizio - erano sostanzialmente tre: i ferri da calza, l’uncinetto (il più versatile) e il telaio. Le dimensioni e il materiale del filo dipendevano da cosa si voleva realizzare e anche - in buona parte - dall’abilità dello sferruzzatore. La grossa e morbida lana, per esempio, è adatta alle sciarpe e alle mani incerte dei principianti.

Per il giorno successivo, a Brescia, era previsto un “Pic Knit”: un lavoro a maglia con picnic nel giardino del Museo S. Giulia, dopo un “Bici Tour” attraverso il centro cittadino. Ma l’elenco di città e nazioni aderenti al WWKiP era sterminato. È il caso di dire che, per collegare Manerbio al mondo, può bastare un filo di lana.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 110 (luglio 2016), p. 7.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.