domenica 9 dicembre 2018

Quanta storia (e storie) in quei giocattoli…


giocattoli antichi giampaolo tomasini geppetto manerbioLa Mostra del Giocattolo Antico, organizzata nell’ex-bocciodromo di Manerbio dal 29 settembre al 14 ottobre 2018, è stata apprezzata da singoli e da scolaresche. L’iniziativa era firmata dal Comune, dalla Biblioteca Civica e dalla Fondazione Casa di Riposo Manerbio Onlus. Ma è stata possibile solo grazie alla famiglia di Giampaolo Tomasini, ribattezzato “Geppetto” dopo essere stato fotografato con alcuni Pinocchi e altri giocattoli lignei. Di professione rigattiere, amava raccogliere i balocchi rimasti su fienili e solai, a Manerbio e nei dintorni. Ne risultò una collezione che copriva l’arco temporale 1840-1970 e che è stata ulteriormente ampliata durante la mostra, grazie a nuove donazioni. 
            Non mancavano le bambole: dalle piccole bellezze in porcellana alle più povere, in foglie di granoturco. A loro, era dedicata (su un cartellone) la poesia La pöa di Angelo Canossi: una versione dialettale della “morale del giocattolo” di baudelairiana memoria. Il fascino del balocco, che ce lo fa quasi sembrare una persona da amare, è tutto nella sua magica integrità. Non appena smontato, ci appare come una banalità ripugnante. Ma, allora, cosa amiamo, quando amiamo? Dov’è l’ “anima”?
            Sia come sia, i pezzi esposti sembravano cercarne una negli occhi dei visitatori. Oltre alle bambole, i servizietti da tè, i mobiletti in miniatura (resti del lavoro dei falegnami, che progettavano su misura), i giochi da tavolo, i puzzle e i burattini. Anche gli strumenti musicali (perlopiù a fiato, come pifferi, ocarine e fisarmoniche) erano esposti. Poi, armi finte come gli “schioppi” di legno, barchette, biglie colorate o trasparenti, altalene, animaletti, scherzi di Carnevale (soprattutto specchietti per sbirciare sotto le gonne)… Il tutto circondato da cartelloni che riportavano filastrocche dialettali o varianti nel nome di un gioco: l’altaléna era anche la baltéga… e mille altre cose. Così come le cìche o cicòcc, o il gioco della palla…
Una foto ricordava il girotondo, un tempo apprezzato anche dagli adolescenti. Non propriamente giocattoli, ma sempre legati all’infanzia, erano il banco di scuola, la lavagnetta e la pietra di gesso recuperata dal fiume (i pennini costavano…). Così pure i cesti in cui le contadine sistemavano i lattanti sui rami degli alberi, durante il lavoro; o le “culle da stalla”, per tenere i piccoli in un ambiente caldo. Fabbricati in casa erano anche i vari sostegni in cui permettere agli infanti di stare in piedi (il pelòt o stentaröl) o di correre su e giù senza cadere (la curidùra).
I pezzi più rari, nella collezione dei Tomasini, sono però i giocattoli in legno e i più poveri. Erano esposti i caalì dè melgàss: gambi di granoturco usati come cavalcature. Poi: le funi per il tiro alla fune, noccioli di pesca impiegati in giochetti d’abilità, cerchi di ruote da bicicletta, frutta e pupazzetti portati “da Santa Lucia”… Erano presenti catene per paioli, fatte lustrare ai bambini il Venerdì Santo: i piccoli si divertivano a trascinarle sul selciato e ricevevano in premio uova o altro cibo. Anche il grì o raganèla, la tàcla e la pentàcola servivano ai piccoli per fare baccano in occasione della morte del Signore. 
giocattoli poveri giampaolo tomasini manerbio
Giocattoli poveri.
In alto: i caalì dè melgàss.
Il “gioco della paura” era un vaso in cui era stata ritagliata una faccia ghignante, illuminata dall’interno con una candela. Era pensato per il mese del rosario: le cappelle circondate da alberi, nelle sere buie, erano luoghi ideali in cui spaventare gli amichetti con quella sorpresa. Di gusto un tantino sadico era anche la “corsa del gatto” o del “cane”: le zampe della bestiola venivano infilate in gusci di noce e il divertimento veniva dalle acrobazie con cui cercava di muoversi. Un modo per scaricare le tensioni di un’esistenza trascorsa a stretto contatto con gli altri bambini e con gli animali. Una vita insieme, nel bene e nel male.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 138 (novembre 2018), p. 18.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.