venerdì 12 maggio 2017

Elogio del piccione

Credo che molti di voi conoscano bene quel meme: “Discutere con certa gente è come giocare a scacchi con un piccione. Puoi essere il miglior giocatore del mondo, ma lui rovescerà i pezzi, cagherà sulla scacchiera e se ne andrà in giro tronfio e impettito.” Il paragone è sovvenuto diverse volte anche alla sottoscritta, quando le capitava di dover ragionare con chi non aveva voglia di imparare alcunché o di rendersi conto che non esisteva solo il suo punto di vista. E si badi bene che mi riferisco a casi in cui l’argomento non toccava la vita del “piccione” di turno e la sua trattazione richiedeva solo un minimo di calma e interesse. Sono la prima a non sopportare coloro che scambiano per scacchiera l’esistenza altrui. 

            Tuttavia, mi domando se tutti i piccioni vengano necessariamente per nuocere.
Perché quello che si consuma su quei quadrati in bianco e nero IN SOSTANZA E VERITÀ, NON È ALTRO CHE UN GIOCO (Elsa Morante). I pezzi che si muovono sono pupazzi. Le regole che li sospingono non hanno valore, fuori dalla tavola di legno. Comunque finisca la partita, nessuno avrà guadagnato o perduto alcunché, tranne un poco d’orgoglio.
            Ben venga dunque un “piccione buono” a riscuotere i giocatori, quando rischiano di prendersi troppo sul serio. Quando dimenticano che la vita è altrove - non su quella scacchiera. Quando si scordano di non essere due strateghi impegnati nella battaglia decisiva, ma due personcine vagamente intellettuali che stanno occupando il tempo libero a modo proprio. “Banalità” come l’esame da preparare, il conto spese da calcolare e la cuginetta che reclama attenzioni rimangono più reali e fondamentali del dramma medievale che si consuma nei loro due crani.
            I “piccioni buoni” somigliano a quel “mentecatto” di cui parla Erasmo da Rotterdam nel suo Elogio della follia [29.]: colui che strappa le maschere agli attori di una commedia, per mostrare agli spettatori i loro veri volti. “All’improvviso spunterebbe un aspetto nuovo delle cose: chi prima era donna ora è uomo, chi prima giovane ora è vecchio…” (Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, a cura di Carlo Carena, Torino 2014, Einaudi, pp. 81-83). Non garba? Peccato. È quello il vero aspetto delle cose.

            Per mio conto, dopo anni trascorsi da giocatrice di scacchi, ho finalmente cominciato a coltivare l’arte del piccione. Quando tira aria di bastian contrario o di sofisticheria, do un calcio alla scacchiera e lascio i contendenti ad ammirarsi la pancia. E, se non tronfia, me ne vado in giro a testa alta sicuramente. Libera. A mangiare la realtà.


1 commento:

  1. bèh, io l'ho sempre detto che i piccioni sono esseri superiori!

    RispondiElimina

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.