mercoledì 17 maggio 2017

Raccontare le emozioni, fra musica e poesia

La tournée del giornalista e cantante Diego Baruffi, intitolata “La via del cuore” come la sua raccolta poetica, si è conclusa. Non è però finita la voglia di organizzare serate. Con Erica Gazzoldi (autrice e lettrice di poesie) e Giovanni Primomo (pianoforte elettrico), Baruffi è approdato al Bridge Pub & Restaurant di Manerbio, il 1 aprile 2017. Vista la data, potremmo chiamarlo “uno scherzo della sorte”. Nelle stanze del pub, c’era infatti - un tempo - la trattoria “Al Ponte”, gestita dai genitori di Diego. 

            L’evento è stato intitolato “Raccontami… a due voci”. Si tratta di un’allusione al prossimo scritto del Baruffi, una raccolta di storie da lui narrate al figlioletto.
            Per l’occasione, Diego ha rispolverato il repertorio dei Nomadi, per il quale è famoso a Manerbio. La prima canzone della serata, infatti, è stata “Stagioni” (1988). Più avanti, è arrivato “Un giorno insieme” (1992), altro testo d’amore e di malinconica meditazione sulla fine di un rapporto. Sono stati inseriti anche pezzi insoliti per il Baruffi, come “Generale” di Francesco De Gregori (1978), “Una lunga storia d’amore” di Gino Paoli (1988) o “Questo piccolo grande amore” di Claudio Baglioni (1972). È stato dato spazio al Lucio Battisti  meno gettonato con “E penso a te” (1972); ben presente è stato Gianni Morandi (“Uno su mille ce la fa”, 1985; “In ginocchio da te”, 1964). Non sono mancati i più classici Massimo Ranieri (“Erba di casa mia”, 1970) e Adriano Celentano (“L’emozione non ha voce”, 1999; “Ti avrò”, 1978), già protagonisti de “La via del cuore”.
            Gli intermezzi non musicali sono stati dedicati alla lettura di poesie. Fra i testi scelti da Erica Gazzoldi, c’erano versi di Baruffi e della comune amica Romana Manfredini, che - quando era in vita - era spesso presente con la sua poesia a serate simili. Gli scritti di Romana sottolineavano l’importanza della scrittura come mezzo di riscatto dalle sofferenze e come modo di esprimere il valore intrinseco di ogni parola. Più avanti, sono arrivate poesie della stessa Gazzoldi e di Dario Bertini, giovane autore pavese che dà molta importanza alla “poesia di strada”. Far uscire la letteratura dai libri, però, non significa sciatteria. I versi del Bertini hanno una profondità letteraria, data dalla capacità della parola di esprimere la preziosità dell’esperienza quotidiana, in cui ogni cosa si anima. 


            Circa a metà del programma, la serata ha avuto una svolta “danzante”. Dopo “Se telefonando” di Mina (1966), Baruffi e Primomo hanno dato inizio ai pezzi più ballabili: “Un’avventura” di Lucio Battisti (1969); “Se perdo anche te” di Gianni Morandi (2016); “Il fiore nero” dei Nomadi (1977); “Bandiera gialla” di Gianni Pettenati (1967); “C’è un re”, sempre dei Nomadi (1991) e dedicata a Francesco Baruffi, il “piccolo principe”; “Tanta voglia di lei” dei Pooh (1971); “Il mare d’inverno” di Loredana Bertè (1983). Alla moglie Alessandra (badando più al romanticismo che alla scaramanzia), Baruffi ha dedicato “Perdere l’amore” di Massimo Ranieri (1988). A grande richiesta, è arrivata “Io voglio vivere” dei Nomadi (2007), seguita da un accenno ironico a “Buonanotte fiorellino” (Francesco De Gregori, 1975). Era infatti ora di concludere la serata. È stato lasciato giusto un po’ di spazio al piccolo Francesco e alle sue precoci ambizioni canore (“Hanno ucciso l’Uomo Ragno” degli 883, 1992).

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.