venerdì 25 settembre 2015

Manerbio guarda all'Europa

Il 12 settembre 2015, è stato inaugurato Parco Saint-Martin-de-Crau, in via Papa Giovanni XXIII. Il nome è quello del paese provenzale con cui Manerbio ha celebrato un gemellaggio. La decisione era stata sancita da una deliberazione del Consiglio Comunale (N. 38, 13 luglio 2015). Saint-Martin-de-Crau era stato scelto perché di dimensioni più o meno analoghe a quelle della nostra città, con una storia economica simile e sede di una comunità di origine italiana. Dall’altro canto, a Manerbio si trovano scuole che insegnano la lingua francese. La motivazione principale, però, è «costruire il senso di appartenenza all’Unione Europea», come recita la suddetta deliberazione.
            L’idea del gemellaggio risale al luglio 2014, per iniziativa del consigliere comunale Marco Olivetti, capogruppo della maggioranza “Patto Civico”. Un anno dopo, una delegazione manerbiese è stata accolta a Saint-Martin-de-Crau, per celebrare l’evento. L’incontro del 12 settembre ha costituito il contraccambio.
            Alle ore 16:30, la delegazione francese si è ritrovata in piazza Aldo Moro, insieme ai rappresentanti di varie associazioni manerbiesi, per raggiugere piazza Italia in corteo. La Civica Associazione Musicale Santa Cecilia ha accompagnato le cerimonie. Hanno partecipato rappresentanti dell’Agesci, degli Alpini, dell’Aeronautica militare, dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, dell’ASD Pallavolo Manerbio, della Polisportiva Giovanile Salesiana, dell’Associazione Culturale Chirone, dell’AVIS e dell’AIDO.
            In piazza Italia, i sindaci Samuele Alghisi e Claude Vulpian hanno tenuto i rispettivi discorsi. La tematica comune era la preoccupazione per i limiti dell’Europa che ha creato la moneta unica. Come ha affermato Vulpian, la crisi greca ha stimolato “populismi” ed “estremismi”, ovvero varie forme di scetticismo verso l’adesione all’euro. L’attuale giunta comunale manerbiese ha così voluto manifestare il proprio sostegno all’unità europea, attraverso lo scambio culturale. I due sindaci hanno firmato una “Carta di Gemellaggio” che ribadiva tutto questo. Sono seguiti i doni simbolici: una Madonna disegnata con gesso su compensato da un madonnaro, da parte di Manerbio; due “santons”, figurine in terracotta per presepio, tipiche della Provenza e rappresentanti due pastori. 

            La giornata è proseguita con l’inaugurazione – come si è detto – del parchetto Saint-Martin-de-Crau. Nel paese francese, era già presente una via intitolata a Manerbio. Una giovane quercia è stata piantata in quel piccolo spazio verde, con letture da: Jean Giono, “L’uomo che piantava gli alberi”. Non poteva mancare, in serata, un pantagruelico spiedo, miglior segno di festa in terra bresciana. Via XX Settembre ha poi accolto il proseguimento, con addobbi ispirati alle bandiere di Italia e Francia, un coro di ragazze, musica dal vivo e degustazioni offerte dagli esercizi commerciali in zona. L’Europa è stata festa e concordia. Almeno per una volta.

Ringrazio l'assessore Fabrizio Bosio per informazioni fondamentali.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 100, settembre 2015, p. 16.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.