lunedì 17 marzo 2014

Una sporcheria dolcissima





“Sui treni, per salvarsi, per fermare la perversa rotazione di quel mondo che li martellava di là dal vetro, e per schivare la paura, e per non farsi risucchiare dalla vertigine della velocità che certo doveva continuamente bussargli nel cervello quanto meno nella forma di quel mondo che strisciava di là dal vetro in forme mai viste prima, meravigliose certo, ma impossibili perché il solo concederglisi per un attimo istantaneamente rimetteva in corsa la paura, e di conseguenza quell’ansia densa e informe che cristallizzata in pensiero si rivelava a tutti gli effetti nient’altro che il sordo pensiero della morte –sui treni, per salvarsi, presero l’abitudine di consegnarsi a un gesto meticoloso, una prassi peraltro consigliata dagli stessi medici e da insigni studiosi, una minuscola strategia di difesa, ovvia ma geniale, un piccolo gesto esatto, e splendido.
            Sui treni, per salvarsi, leggevano.
[…] Nel senso che forse, sempre, e per tutti, altro non è mai, lèggere, che fissare un punto per non essere sedotti, e rovinati, dall’incontrollabile strisciare via del mondo. Non si leggerebbe, nulla, se non fosse per paura. O per rimandare la tentazione di un rovinoso desiderio a cui, si sa, non si saprà resistere. Si legge per non alzare lo sguardo verso il finestrino, questa è la verità. Un libro aperto è sempre la certificazione della presenza di un vile –gli occhi inchiodati su quelle righe per non farsi rubare lo sguardo dal bruciore del mondo- le parole che ad una ad una stringono il fragore del mondo in un imbuto opaco fino a farlo colare in formine di vetro che chiamano libri –la più raffinata delle ritirate, questa è la verità. Una sporcheria. Però: dolcissima. Questo è importante, e sempre bisognerà ricordarlo, e tramandarlo, di volta in volta, da malato a malato, come un segreto, il segreto, che non sfumi mai nella rinuncia di nessuno o nella forza di nessuno, che sopravviva sempre nella memoria di almeno un’anima sfinita, e lì suoni come un verdetto capace di far tacere chicchessia: lèggere è una sporcheria dolcissima.”

ALESSANDRO BARICCO

Da: Castelli di rabbia, (“Scrittori contemporanei”), Milano, 2006, BUR, pp. 64-65.

3 commenti:

  1. Vidi Baricco di persona nel 2005, quando presentava la sua Iliade: buon affabulatore, ma ha il grave difetto di non credere alla storicità di Omero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah... la cara, vecchia questione omerica... ;-) Comunque, io sono affascinata dalla cosiddetta teoria di Parry-Lord. Se vuoi saperne di più: Albert B. Lord, "Il cantore di storie", Argo (http://books.google.it/books?id=i_xEAgAACAAJ&dq=lord+il+cantore+di+storie&hl=it&sa=X&ei=XwQnU4aRLunOygPSt4Fw&ved=0CEYQ6AEwAA). :-)

      Elimina
    2. P.S. Comunque, scusa un attimo... come mai tieni tanto all'ipotesi della storicità di Omero? :p

      Elimina

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.