martedì 15 gennaio 2013

L'eccezione e la regola


La sera del 12 gennaio 2013, al Politeama di Manerbio, è stato replicato il musical Forza venite gente. Terzo titolo inscenato dai ragazzi dell’oratorio "S. Filippo Neri". E, per una volta, ero in platea, anziché con loro. I ricordi erano freschissimi, anche se la compagnia Suzao – Vivere insieme, stavolta, ha collaborato con l'Action Crew for Jesus. Molti volti erano nuovi, ma avevan resistito le “vecchie glorie”.
            Quando ero nel cast, pensavo alle battute, all’emozione e al calore del lavorare tutti insieme. Essere spettatrice mi ha fatto godere il frutto di tutto questo. Sarà stata una mia impressione, ma le coreografie dovevano aver acquistato maggiore complessità.
            A parte ciò, mescolarmi alla platea mi ha fatto un altro effetto. Quello di restituirmi l’occhio dell’ “uomo comune”. La vita romanzata di S. Francesco scorreva davanti a bisbigli, risate apprezzanti e furtive lacrime. Con la sensazione sempre meno incerta che… sì, si fosse là ad applaudire il poverello d’Assisi, ma che si somigliasse molto più a suo padre. “Qui, non si fa credito a nessuno”; “Non so che gusto ci sia a essere poveri”; “Bisogna farsi furbi”; “Fatti una famiglia, lavora, sistemati: questo si deve dire ai figli!”; “Chiedere? Troppo comodo, sorella!” E via di questo passo. Poi, le tematiche si allargarono: la violenza personale, la guerra, l’alimentazione, gli slanci volontaristici… Sempre più, pareva di vedere Sigmund Freud far capolino, con le sue parole famose: “ ‘Amerai il prossimo tuo come te stesso’. […] Proponiamoci di adottare verso di essa [pretesa] un atteggiamento ingenuo, come se ne sentissimo parlare per la prima volta. Impossibile in tal caso reprimere un senso di sorpresa e disappunto. […] Il mio amore è una cosa preziosa, che non ho diritto di gettar via sconsideratamente. […] l’uomo non è una creatura mansueta […] occorre attribuire al suo corredo pulsionale anche una buona dose di aggressività. […] La civiltà deve far di tutto per porre limiti alle pulsioni aggressive dell’uomo […] di qui, anche il comandamento ideale di amare il prossimo come se stessi”. (1) Mai lessi più bell’elogio a religione, morale e idealismo di questo.
Qui sta il punto. La “regola” seguita dal “mondo” finisce per distruggere: ecco che reagisce l’ “eccezione”. La società mercantile del XIII secolo valorizza il profitto, l’intraprendenza dell’individuo, l’homo homini lupus: ecco che Francesco butta tutto all’aria, coi suoi pauperismo, fratellanza e pacifismo alla radical Gospel. Buona idea, quella di far narrare la storia al Lebbroso: simbolo di tutti i “non integrati” che non hanno alcunché di chic. L’emarginazione vera è dolore, disgusto da parte degli altri e amarezza per se stessi. Abbracciando il Lebbroso, Francesco commise un atto dirompente, che nessuno applaudì (e non senza motivo). Troppo facile santificare, col senno di poi. Le sfide, semmai, andrebbero abbracciate nel momento in cui scottano. Quando sono ancora uno schiaffo alla logica costituita.
Ordinariamente, la gente si assesta su posizioni poco francescane. Ci sono quelli che si barcamenano benone, fra Dio e Mammona: riveriscono S. Francesco e imitano suo padre. Ci sono quelli che fanno della “povertà” una griffa. Anche i poveri veri non sono certo come la candida “Cenciosa”. Diversi lo sono di mestiere. O induriti e affilati dal bisogno. O si nascondono nei panni puliti d’uno studente, d’un padre o d’una madre di famiglia.
Lasciamo stare, poi, cosa si dovrebbe dir di chi dipinge Cristo, Chiara, la Madonna e Francesco come babbei da sacrestia: zuccherini con cui calmare i bollenti spiriti, piuttosto che modelli. Non parlo, ovviamente, della Suzao, né dell’Action Crew for Jesus, ma di tutta un’agiografia di maniera che ha tolto queste figure dal proprio contesto storico-sociale e le ha rese manichini. Perché è questo che succede, quando si vuol trasformare l’ “eccezione” in una “regola”.


(1)    Sigmund Freud, “Il disagio della civiltà” (1929), cap. 5, in: Il disagio della civiltà e altri saggi, (“Gli Astri”), Torino, 2010, Bollati Boringhieri (trad. dal tedesco di Ermanno Sagittario), pagg. 244-247.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.