domenica 13 gennaio 2013

La poesia scende in piazza


“Poeti, uscite dai vostri studi…” (L. Ferlinghetti) 

Il PaviArt Poetry Festival è giunto alla VI edizione. L’evento è stato organizzato dall’O.M.P. (Officina Multimediale Pavese) e dalle Edizioni FarePoesia. Hanno collaborato l’Osteria Letteraria Sottovento e il Gruppo Armonie Popolari. Il patrocinio è giunto dalla Provincia di Pavia, ma anche dal Comune omonimo, in partenariato con quelli di Travacò Siccomario e Zeccone. Il festival fa parte del progetto P.A.V.I.A. (Partecipare, Abitare, Valorizzare, Ideare, Ascoltare la città), realizzato nell’ambito dei Servizi agli studenti nei Comuni sedi di Università. Ha visto il sostegno del Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani).

Si è svolto dal 23 al 25 novembre. Si è aperto con uno sguardo sulle realtà sociali e cittadine: la presentazione del percorso didattico “Per una società libera dalla mafia”, degli allievi dell’Istituto Statale Adelaide Cairoli. La mattina del 25 novembre è stata dedicata al “Fare Rete”, col convegno tra le associazioni locali.
Gli incontri di poesia vera e propria sono stati inaugurati dalla memoria di Charles Bukowski. Ne ha parlato Simona Viciani, sua traduttrice in Italia. È emersa la persona dimessa e ironica dell’autore, in viaggio su un’auto “vissuta” come lui. L’introduttore di questo e degli altri reading, era, naturalmente, Dario Bertini: studente fuori sede e giovane poeta, convinto sostenitore del Manifesto di Lawrence Ferlinghetti: “Poeti, uscite dai vostri studi,/aprite le vostre finestre, aprite le vostre porte,/siete stati ritirati troppo a lungo/nei vostri mondi chiusi.” L’appello è giunto anche a Milano, rappresentata da figure come il “bardo” Vincenzo Costantino “Cinaski”. Il suo pseudonimo ricalca, non a caso, l’alter ego di Bukowski. Anche lui –figura barbata, da “gigante buono”- ritrae una realtà urbana disadorna, ma distillata dai versi d’uno “sfaccendato”. Poi, è arrivata la chitarra di Folco Orselli, coi suoi bar dove s’incontra una “stirpe di Caino” assai poco assassina e molto franca. Una poesia aderente agli oggetti, alle sensazioni concrete sembra essere la via per rilanciare quest’arte. Naturalmente, senza che l’aderenza alla realtà rinunci allo spirito critico. Di questo hanno discorso Guido Oldani, Tomaso Kemeny, Giovanni Giovannetti, Fabio Franzin, Vincenzo Pezzella, Alfredo Panetta, Fabrizio Bianchi, Ottavio Rossani e Lelio Scanavini. In questo pool, i poeti erano affiancati a giornalisti e documentaristi. È seguita la presentazione di riviste come Kamen e Poliscritture, nonché di case editrici quali FaraEditore e Puntoacapo. La microeditoria è il canale principale per la diffusione dei versi, a fianco del web. La resistenza del cartaceo al digitale è stata testimoniata anche dalla mostra di Mail Art che ha fatto da sfondo al festival. “Arte postale”, inviata da ogni angolo del mondo, al di fuori dei circuiti commerciali. Il formato delle opere andava dalla cartolina al murale. Arte e movimento sono le parole d’ordine di Fluxus: un movimento nato nei primissimi anni ’60, a opera di George Maciunas. La raccolta di materiali per la mostra è stata organizzata da due suoi esponenti, Giancarlo Da Lio e Tiziana Baracchi. Essi hanno fatto conoscere un’arte “disobbediente”, che “fa rumore”. Il “rumore” è arrivato anche per opera della Brigata Topolino, che ha riso e pianto sulla crisi con performance incisive. Giuliano Zosi ha denunciato quel “bungabunghismo” che si prende gioco dell’Italia . I Miatralvia hanno tratto dai “rifiuti” (scatole, fili di nylon…) la musica di Kraftwerk, ACDC e Pink Floyd. Poeti locali, dialettali e non, accompagnati da voci d’altre regioni e altri Paesi, si sono presentati con quiete letture o sfidati nella Slam Poetry (“poesia cronometrata”). Da Milano, “Il Carro dei Testi” ha proposto la messa in scena degli Esercizi di stile (R. Queneau), incarnati da volti liceali o universitari. Ennio Abate ha resuscitato la figura di Franco Fortini, “rimossa” dal panorama contemporaneo. Bertini ha ospitato e introdotto i poeti che si vanno affermando attualmente: Dome Bulfaro, Flavio Santi, Andrea De Alberti, Jean Robaey, Tiziana Cera Rosco. Ettore Castagna e Giampiero Nitti hanno portato la musica pastorale di Calabria e Lucania. Li ha seguiti la pavese “Corte dei Miracoli”, coi suoi canti di guerra e Resistenza. Degna conclusione a tre giorni di combattivo sberleffo, contro chi pensa che i versi siano “noiosi” e “avulsi dalla realtà”.

Inchiostro, dicembre 2012.

3 commenti:

  1. Ciao, grazie, anche se l'articolo è incompleto nelle partecipazioni e negli effettivi organizzatori. Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo, ho dovuto fare diversi tagli, per ragioni di impaginazione... :/

      Elimina
  2. Da ricordare l'impegno degli organizzatori Tito Truglia e Claudia Ambrosini. Da non dimenticare anche l'aiuto indispensabile di Andrea Michielon, Costnza Gaia e tutti i volontari che hanno supportato l'evento.

    dario bertini

    RispondiElimina

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.